Il punto sui giovani in agricoltura: nelle Marche 1400 aziende under 35

Una prospettiva nuova e di futuro in un paese dove negli altri settori, di contro, la disoccupazione giovanile cresce

Nelle Marche ci sono quasi 1400 aziende agricoli condotte da under 35. Una prospettiva nuova e di futuro in un paese dove negli altri settori, di contro, la disoccupazione giovanile cresce. Il dato emerge da un’analisi della Coldiretti relativa al primo semestre 2018 presentata al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio dove è stato aperto il “Salone della creatività Made in Italy”. Senza contare le 544 domande di primo insediamento presentate dai giovani nell'ambito del Psr.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le nuove generazioni consapevoli e mature, hanno colto da 10 anni a questa parte, le potenzialità e le opportunità che la campagna mette a disposizione - ha affermato Maria Letizia Gardoni delegata nazionale dei giovani e presidente regionale di Coldiretti Marche - Dall’essere considerato un settore marginale è arrivato oggi a esprimere la più potente forma di contemporaneità del nostro tessuto economico e sociale. Grazie all’applicazione del concetto di multifunzionalità, l’imprenditore agricolo è oggi la figura più completa e complessa in grado di generare crescita e benefici non solo per il mondo rurale ma per la cittadinanza nella sua totalità“. Una presenza che ha di fatto rivoluzionato il lavoro in campagna dove il 70% per cento delle imprese giovani opera in attività multifunzionali che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche agli agriasilo, ma anche alle attività ricreative, l’agricoltura sociale per l’inserimento di disabili, detenuti e tossicodipendenti, la sistemazione di parchi, giardini, strade, l’agribenessere e la cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili. Senza dimenticare l’impegno a difesa della biodiversità con gli agricoltori custodi che nelle Marche stanno salvando decine di prodotti e razze animali dal rischio estinzione, aiutati anche dal lancio dei 23 Sigilli di Campagna Amica delle Marche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Nuovo Dpcm, chiusure delle attività commerciali per evitare il lockdown

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento