Coldiretti Marche, meno chimica nei campi e più spazio alla salute

È quanto emerge da uno studio di Coldiretti Marche su dati Istat, in linea con il report nazionale del Ministero della Salute sui fitosanitari negli alimenti

Foto di repertoiro

Negli ultimi 10 anni sui campi marchigiani sono stati utilizzati più fertilizzanti biologici e meno tradizionali. La rivoluzione green dal campo alla tavola segna un +16% nell’impiego di concimi più rispettosi dell’ambiente e un -18% di quelli convenzionali. Diminuito del 20% anche l'uso di fitosanitari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È quanto emerge da uno studio di Coldiretti Marche su dati Istat, in linea con il report nazionale del Ministero della Salute sui fitosanitari negli alimenti. Coldiretti ha calcolato che la presenza irregolare di residui chimici negli alimenti che arrivano dall’estero è più che tripla rispetto a quelli Made in Italy. Sui 10.737 campioni di alimenti (ortofrutta, cereali, olio, vino, baby food e altri prodotti) analizzati per verificare la presenza di residui di prodotti fitosanitari oltre il limite consentito appena lo 0,6% dei campioni di origine nazionale – sottolinea la Coldiretti – è risultato irregolare, ma la percentuale sale al 1,9% se si considerano solo gli alimenti di importazione e tra questi il record negativo è fatto segnare dagli ortaggi dall’estero con il 4,9%. Una ragione in più per acquistare Made in Italy, più sicuro anche per tutta la rete dei controlli che vengono effettuati lungo la filiera. Nelle sole Marche lo scorso anno sono scattati ben 133 allarmi sugli alimenti, soprattutto pesci e molluschi ma anche salumi e ortofrutta: listeria nei formaggi, escherichia coli e salmonella in vongole e cozze, micotossine nel riso, alte concentrazioni di mercurio in pesce spada e palombo, solfiti nei polpi indonesiani e persici africani mal congelati. Un primato di sicurezza alimentare che è alla base della storica battaglia di Coldiretti sulla trasparenza in etichetta. L’obbligo di indicare il Paese di origine in etichetta grazie al pressing della Coldiretti è in vigore per la maggioranza degli alimenti in vendita, dalla frutta alla verdura fresca, dalla pasta al riso, dalle conserve di pomodoro ai prodotti lattiero caseari, dal miele alle uova, dalla carne bovina a quella di pollo fino ai salumi per i quali si attende a breve la pubblicazione del decreto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Addio all'architetto D'Alessio, ex assessore: era presidente del Parco del Conero

  • Covid-19, nelle Marche impennata di ricoveri e pazienti in terapia intensiva

  • Droga in casa, bimbo ingerisce cocaina e va in ospedale: genitori e nonni in arresto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento