Coldiretti, speso solo il 17% dei fondi europei: urgente un cambio di passo

Percentuali che potrebbero essere migliori visto che si registrano situazioni con i pagamenti ancora fermi al 2016 che poi, di conseguenza, bloccano anche quelli degli anni successivi

Nonostante una dotazione di quasi 700 milioni di euro per l'agricoltura appena il 17,57% è stato erogato alle aziende. La nostra è la regione italiana con la più bassa percentuale di fondi europei erogati nell'ambito del Psr. Il dato è relativo allo scorso 31 dicembre. Dal 2015 è stata sostenuta una spesa pubblica di circa 122 milioni di euro. Tra le voci più utilizzate ci sono quella a sostegno delle aziende che ricadono in aree soggette a vincolo paesaggistico o montane e quella dedicata all'agricoltura biologica: parliamo tuttavia, rispettivamente, del 45% e del 37% della spesa prevista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Percentuali che potrebbero essere migliori visto che si registrano situazioni con i pagamenti ancora fermi al 2016 che poi, di conseguenza, bloccano anche quelli degli anni successivi. Anche Coldiretti Marche ha partecipato ieri mattina al tavolo di lavoro promosso dalla Regione per fare il punto sullo stato di attuazione del Psr. C'è ancora molto da lavorare, soprattutto per snellire le pratiche burocratiche. Basti pensare che per misure che rivestono particolari importanza come quelle a sostegno dei giovani e degli investimenti in azienda, è stato erogato appena il 14% e il 12% dei fondi disponibili. “I fondi comunitari – spiega Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche - rappresentano un riconoscimento e un diritto per gli agricoltori di cui devono poter giovare per fare investimenti e migliorare l'economia del nostro territorio. Il pessimo avanzamento dello speso da parte della Regione rappresenta una negazione di questa facoltà ed è per questo che chiediamo con urgenza un cambio di passo nella modalità con cui si stanno gestendo i pagamenti e le aperture dei bandi”. Al tavolo sono state accolte alcune proposte di Coldiretti. Anzitutto c'è la volontà di convocare al più presto un tavolo di concertazione con Agea per sbloccare le somme di tutte le misure a superficie come benessere animale, biologico, eccetera. Per le domande di primo insediamento dei giovani la Regione, in risposta alle richieste di Coldiretti Marche, farà scorrere le graduatorie esistenti, prevedendo altri bandi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento