Alluvione: gli agricoltori donano un quintale di pasta alla Caritas assieme a olio e pomodoro

Dalla Coldiretti pasta fatta con grano marchigiano, ma anche passata di pomodoro, olio extravergine di oliva e confetture. Intanto prosegue la conta dei danni: c'è tempo fino al 27 maggio per inviare le segnalazioni

Emanuele Befanucci

Un quintale di pasta fatta con grano marchigiano, oltre a passata di pomodoro, olio extravergine di oliva e confetture, sono stati raccolti dagli agricoltori della Coldiretti Ancona per essere donati alla Caritas e contribuire alle attività di distribuzione del cibo e alla preparazione dei pasti per l’emergenza alluvione.

“Il maltempo ha colpito duramente il nostro territorio e abbiamo deciso di dare un piccolo segnale di solidarietà per sostenere l’operato di chi in questi giorni ha contribuito a far fronte al disastro che ha colpito Senigallia e il suo territorio – sottolinea il presidente di Coldiretti Ancona, Emanuele Befanucci -. Un ringraziamento va ovviamente a chi ha deciso di donare i prodotti, a partire dal pastificio Ghigi, che trasforma il grano delle nostre imprese”.

Intanto prosegue la conta dei danni. Coldiretti ricorda che c’è tempo fino al 27 maggio per inviare le segnalazioni agli uffici decentrati della Regione Marche da parte delle aziende agricole colpite. Secondo una prima stima, il bilancio parla per ora di circa 60 milioni di euro fra terreni franati, strutture aziendali danneggiate e coltivazioni distrutte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento