Spacciava cocaina sfruttando le sue conoscenze sportive, arrestato istruttore di tennis

L'uomo era riuscito a crearsi però una folta rete di clienti, che si estendeva anche nelle frazioni di Squartabue e Villa Musone

La droga sequestrata

Aveva sfruttato la propria attività di istruttore di tennis e le sue conoscenze sportive per creare una vera e propria rete di spaccio di cocaina in tutto il recanatese fino a Loreto e Villa Musone. E' questo quanto scoperto dai Carabinieri del Norm che hanno arrestato un insospettabile 38enne, incensurato, che lavorava appunto come istruttore in un centro sportivo di Recanati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fermato mentre si trovava all'interno della sua auto in sosta sul margine della strada. Perquisito aveva chiusa in un nastro isolante una dose di cocaina pronta per essere spacciata, custodita nel posacenere della vettura. Inoltre sempre nel veicolo nascondeva 400 euro in contanti, probabilmente provento di spaccio. I militari hanno così deciso di perquisire la sua abitazione trovando altri 34gr di cocaina preconfezionata in 18 involucri e 1350 euro in contanti nascosti nell'armadio in camera da letto. Secondo quanto scoperto dai militari l'istruttore fidardense, si considerava intoccabile poichè incensurato e poco noto in città. Era riuscito a crearsi però una folta rete di clienti, che si estendeva anche nelle frazioni di Squartabue e Villa Musone. Questa mattina si è svolto il rito direttissimo dove è stato convalidato l'arretso e considerata l'incensuratezza del 38enne è stata patteggiata la pena di 2 mese 20 giorni di carcere e 533 euro di multa. L'uomo è stato liberato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • Coppia scatenata, sesso in pubblico: i passanti riprendono tutto col cellulare

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento