Esce per gettare la spazzatura con il figlio di 4 anni, ma nella busta trasporta cocaina

Arrestato al Piano un 27enne dominicano mentre teneva il piccolo per una mano e con l'altra la busta dei rifiuti. Tra la spazzatura c'erano 2 etti di cocaina grezza

Esce per gettare la spazzatura insieme al figlio di quattro anni, ma tra i resti dell’organico nascondeva una scatola con due etti di cocaina grezza. A finire nei guai è stato un 27enne dominicano, arrestato venerdì pomeriggio in corso Carlo Alberto davanti agli occhi del bambino. La droga, secondo quanto ricostruito dagli agenti della squadra Mobile, era destinata ad alcuni pusher tunisini che avrebbero trovato proprio nel dominicano il principale canale di rifornimento per il mercato locale.

Gli appostamenti degli agenti coordinati dal capo della Mobile Carlo Pinto andavano avanti già da diversi giorni. L’uomo non era residente ad Ancona, portava avanti la sua attività illecita tra l’Umbria, l’Emilia Romagna e le Marche. Nei giorni in cui era in città si appoggiava in un appartamento di via Marconi e approfittava per andare a trovare l’ex moglie e il figlioletto che vivono al Piano. Venerdì, alle 18,15, era uscito proprio dall’abitazione di Corso Carlo Alberto, apparentemente per gettare la spazzatura accompagnato dal bambino. Teneva il piccolo per una mano e con l’altra trasportava la busta con i rifiuti, ma passava accanto ai contenitori senza neppure guardarli. Il particolare ha insospettito gli agenti che, con un atteggiamento soft vista la presenza del minore, hanno deciso di effettuare il controllo. In tasca il dominicano non aveva nulla, poi l’intuizione ha portato i poliziotti a frugare nella busta dell’immondizia. Tra i rifiuti c’era la scatola con i due etti di droga. Nell’appartamento di via Marconi è stato trovato successivamente un ulteriore etto di cocaina grezza nascosto in una nicchia ricavata dietro al contatore del gas. Il dominicano ha dichiarato di aver comprato l’intero quantitativo al prezzo di 10mila euro, ma una volta lavorati quei tre etti sarebbero diventati 1 kg di coca dal valore quadruplicato. Le indagini proseguono per scoprire quale sia stato il canale di rifornimento del 27enne. L’uomo si trova agli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quello di venerdì è il trentunesimo arresto per droga effettuato dagli agenti della squadra Mobile anconetana dall’inizio dell’anno. Sequestrati complessivamente 5kg di stupefacenti di vario tipo e 16mila euro derivanti dal narcotraffico.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • Coppia scatenata, sesso in pubblico: i passanti riprendono tutto col cellulare

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento