Il motore dell'artigianato è ancora inceppato, Cna: «Metà delle imprese ancora in Fsba»

La CNA di Ancona ha elaborato i dati sull’FSBA, il fondo di solidarietà bilaterale destinato alle imprese artigiane che sospendono i dipendenti per mancanza di lavoro

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Ancona – I dati sull’FSBA (Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato), cioè l’ammortizzatore sociale che viene attivato per sospendere i dipendenti delle attività artigiane in assenza di lavoro (la “cassa integrazione dell’artigianato”) registrano una discesa lenta: da Marzo a Luglio dimezzata la richiesta di questo ammortizzatore, ma ancora siamo vicini al 50% di imprese e dipendenti che hanno bisogno di aiuto

Questo emerge dall’indagine CNA di Ancona elaborata su un campione di ditte associate preso a riferimento che riguarda la città di Ancona. 71 le imprese censite per un totale di 222 dipendenti. All’inizio della crisi, a marzo, le imprese che hanno richiesto FSBA sono state l’87% del campione, per l’84% del campione dei dipendenti. La crisi Covid ha avuto il suo apice nel mese di aprile con il 94% delle imprese artigiane del campione che hanno richiesto il Fondo di Solidarietà per il 93% del campione dei dipendenti. Dati che fanno di aprile il punto più basso e drammatico di questa situazione. La risalita inizia a maggio con il 70% delle imprese ancora in FSBA con il 52% dei dipendenti ancora a casa. Nel mese di Giugno  le imprese che hanno richiesto l’FSBA sono pari al 42% mentre i dipendenti sospesi sono pari al 32%. Un dato che ha accesso speranze di un miglioramento della situazione che però, purtroppo, si sono spente con i dati di luglio dove il 48% delle imprese ha richiesto FSBA (+6% rispetto al mese precedente) e il 50% dei dipendenti (+18% rispetto a giugno) ancora sospesi.

 “Dobbiamo premettere che questa è solo una elaborazione di un campione di nostre imprese, ma sicuramente ci da una tendenza in atto che deve preoccupare tutti gli attori pubblici e privati che hanno il compito di risollevare l’economia dopo la grave crisi del Covid – Commenta Andrea Cantori, segretario della CNA di Ancona – I dati di aprile, l’inizio della crisi e i giorni del lockdown, sono stati devastanti, con l’apice di un 94% delle imprese che avevano richiesto l’FSBA per un numero di dipendenti pari al 93%. A giugno il motore dell’artigianato sembrava ripartire (solo il 32% dei dipendenti sospesi), un miglioramento che potrebbe essere attribuito alle commesse in sospeso durante il lockdown che dovevano essere consegnate e che hanno permesso di reintegrare molti dipendenti nel posto di lavoro. I dati sono peggiorati a luglio – conclude Cantori – un calo forse determinato dal momento di incertezza che sta frenando le commesse e che non permette agli imprenditori di fare “piani a lunga scadenza” e dimostrando che la velocità della ripresa è ancora modesta e non soddisfacente”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento