rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Distrutte a Perugia 255 tonnellate di cibo irregolare, alcune provenivano dal porto di Ancona

Nel dettaglio il bilancio registra 195 tonnellate di nocciole sgusciate, 30 tonnellate di pasta e 30 tonnellate di ortaggi

Dall'inizio dell'anno a oggi sono 255 le tonnellate di cibo irregolare (avariato, prossimo alla scadenza o privo di certificazioni) distrutte dai funzionari dell'Agenzia Dogane e Monopoli di Perugia, tra le cui attività c'è anche quella del controllo e della distruzione di generi alimentari, presentati in dogana o giacenti in regime di deposito poiché privi delle necessarie certificazioni o rifiutati dagli importatori quali beni scaduti o prossimi alla scadenza.

Nel dettaglio il bilancio registra 195 tonnellate di nocciole sgusciate, 30 tonnellate di pasta e 30 tonnellate di ortaggi. Queste tipologie di merci arrivano sostanzialmente da alcuni porti italiani quali quelli di Civitavecchia, Livorno, Napoli e Ancona. Tale compito vede particolarmente impegnati i funzionari Adm del capoluogo umbro anche perché nella provincia perugina opera un‘azienda che, dopo la distruzione per frantumazione delle derrate alimentari, ne ricava un compost per biodigestori utile nella produzione di biogas e pertanto punto di riferimento di molte aziende agroalimentari italiane. 

Una volta verificata l’integrità dei suggelli apposti ai container o alle celle frigo dei camion da parte dei colleghi dell’Ufficio doganale da cui provengono le derrate da smaltire, i funzionari assistono alla presa del materiale solitamente custodito in enormi 'big bag', alla sua distruzione mediante frantumazione con specifici macchinari o mezzi nonché al mescolamento con altri prodotti al fine di ricavare il compost. Operazioni che non consentono quindi di poter recuperare in alcun modo l’alimento stesso, a tutela sia dei consumatori sia delle aziende che rispettano le vigenti normative in tema di produzione, trasformazione e gestione di generi alimentari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Distrutte a Perugia 255 tonnellate di cibo irregolare, alcune provenivano dal porto di Ancona

AnconaToday è in caricamento