menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La chiave a Brugola sequestrata

La chiave a Brugola sequestrata

Irrompe al Pronto Soccorso brandendo una chiave a brugola: arrestato un 46enne

L'uomo è stato bloccato dopo un breve inseguimento. Alla fine i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Senigallia lo hanno arrestato per danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Senigallia hanno arrestato un 46enne del luogo per danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio. Verso le ore 7:30 la pattuglia, a seguito di richiesta telefonica sul 112, è intervenuta al Pronto Soccorso dell’Ospedale dove, poco prima, un uomo mentre si trovava nella sala di attesa era andato in escandescenza e, brandendo una grossa chiave brugola a croce (di quelle usate per smontare le ruote degli autoveicoli) si era introdotto nei locali del “triageminacciando le infermiere e danneggiando il bancone dell’accettazione e due personal computer presenti sulle scrivanie. Tanto da costringere il personale sanitario ad interrompere le visite ed a rifugiarsi nei locali della medicheria per ripararsi dalla condotta violenta ed evitare conseguenze ben peggiori. L’energumeno subito dopo si dava alla fuga allontanandosi con una Ford Focus grigia che aveva parcheggiato proprio davanti al pronto soccorso.

I Carabinieri raccolta la descrizione dei fatti si sono immediatamente posti alle ricerche dell’uomo che hanno intercettato in via Capanna alla guida della Ford Focus. Dopo un breve inseguimento l’uomo è stato bloccato in viale IV novembre. Nell’abitacolo sul tappetino lato passeggero i Carabinieri hanno notato subito la presenza della grossa chiave a croce che hanno subito prelevato per evitare ulteriori pericoli. Poi l’uomo è stato quindi condotto in caserma. I Carabinieri hanno poi raccolto le testimonianze del personale sanitario in servizio al “Triage” e alle medicherie. Un’infermiera presente nei locali del Triage e oggetto delle minacce dell’uomo è stata sottoposta alle cure mediche per stato d’ansia reattivo. Il 46enne dopo l’identificazione e le formalità di rito è stato dichiarato in stato di arresto ed in attesa della convalida è stato sottoposto agli arresti domiciliari. E domani si presenterà al Tribunale di Ancona per la convalida. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento