CGIL Marche: Barbaresi, «ora niente polemiche, ma poi bisognerà valutare la consulenza di Bertolaso»

Tante domande che il sindacato pone tra cui come mai si sia affidata all'Ordine di Malta la realizzazione della struttura temporanea per 100 posti letto di terapia intensiva

«Se questo non è il momento delle polemiche non significa che non sia legittimo e necessario porci delle domande – dichiara Daniela Barbaresi, Segretaria Generale della CGIL Marche - la prima delle quali è se siamo sicuri che, di fronte all’emergenza da fronteggiare, sia questa la strada più giusta da seguire». Il sindacato prosegue nel comunicato: «Quando questa brutta storia sarà finita ci sarà certamente l’occasione per esprimere una più attenta valutazione sulla scelta della Regione di affidarsi alla consulenza di Guido Bertolaso per la realizzazione della struttura temporanea per 100 posti letto di terapia intensiva, e soprattutto di individuare nel Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, il soggetto che su indicazione di Bertolaso stesso dovrà realizzare l’opera e al quale la Regione invita a effettuare le donazioni».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono tante le domande che la CGIL si pone: «Sulla base di quali valutazioni si è esclusa la possibilità di utilizzare la rete ospedaliera marchigiana, che ha ancora tante strutture con molti posti letto liberi a disposizione? Sono state valutate soluzioni alternative anche in termini di strutture mobili? Ad esempio a Bergamo, Crema, Cremona e Piacenza l’emergenza è stata affrontata ricorrendo anche all’Esercito che ha allestito in poco tempo ospedali da campo e presidi sanitari in cui sono stati accogliere centinaia di pazienti. Quali sono i fabbisogni di personale per la gestione di questa struttura? Da chi verrà reclutato? Con quali criteri e modalità? Sappiamo che già oggi alcune strutture allestite dalla Regione non vengono aperte proprio per la mancanza di personale. Cosa succederà se non si dovessero raccogliere in tempo le risorse necessarie e soprattutto, cosa resterà al sistema pubblico marchigiano di questo importante investimento, una volta che l’emergenza, speriamo presto, sarà finita? Verrà semplicemente smantellato e non resterà niente? E’ opportuno che la Regione promuova una sottoscrizione destinata direttamente a un soggetto privato (di diritto melitense), semplicemente su indicazione del consulente della Regione e senza nessun’altra valutazione di alcun tipo? Quale trasparenza viene garantita nella raccolta e soprattutto nell’utilizzo verrà garantita? Sono solo alcune delle tante domande ma in un momento di straordinaria emergenza non si possono fare polemiche. Però c’è da chiedersi se stiamo assistendo forse alla resa incondizionata del sistema pubblico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • Coppia scatenata, sesso in pubblico: i passanti riprendono tutto col cellulare

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento