CGIL CISL UIL Marche allibiti da Confindustria: «Schiavoni irrispettoso»

I segretari delle sigle sindacali Daniela Barbaresi, Sauro Rossi e Graziano Fioretti hanno firmato un protocollo e accusano l'associazione degli industriali di creare dumping sociale

«Oggi abbiamo sottoscritto un Protocollo importante che avvia un percorso concreto di collaborazione tra Istituzioni e Parti sociali che accompagneranno il delicato e indispensabile processo di rilancio delle attività produttive, nel segno della salute e sicurezza di lavoratrici, lavoratori e cittadini». Così Daniela Barbaresi, Sauro Rossi e Graziano Fioretti, Segretari Generali di CGIL CISL UIL Marche. «Anche per questo - proseguono - siamo sconcertati dall’atteggiamento incomprensibile di Confindustria in merito al Protocollo che abbiamo appena sottoscritto con la Regione, l’ANCI e tutte le altre Associazioni datoriali».

Poi muovono una critica: «Non è sinceramente accettabile l’atteggiamento irrispettoso verso gli altri interlocutori che emerge nelle dichiarazione del Presidente Schiavoni che ha presentato il merito del Protocollo in modo scorretto e strumentale, inventandosi  una “criminalizzazione“ delle imprese per apparire conseguentemente unico vero difensore dei loro interessi e attribuendosi un potere di rappresentanza davvero fuori misura, visto che nessun’altra organizzazione ha ravvisato questi pericoli». Barbaresi, Rossi e Fioretti aggiungono: «Vorremmo capire quali sarebbero i punti del Protocollo regionale non coerenti con lo spirito delle disposizioni previste a livello nazionale visto che la sua finalità è proprio quella di favorire e promuovere la piena applicazione del Protocollo nazionale. Abbiamo il timore che con il suo atteggiamento Confindustria sottraendosi ad un confronto che è fondamentale per qualificare gli interventi volti a garantire salute e sicurezza sui luoghi di lavoro offra una sponda, seppur involontariamente, a quelle imprese che, in nome della competitività,  non intendono rispettare pienamente le regole creando dumping sociale. Il Presidente di Confindustria continua a ripetere ogni piè sospinto che gli imprenditori hanno a cuore la sicurezza dei lavoratori. Se è cosi, non dovrebbero aver paura di confrontarsi, condividere e far conoscere le scelte che attengono alla salute dei lavoratori e dei cittadini».

I sindacalisti chiedono dunque di garantire la massima condivisione e trasparenza nelle scelte sulle misure di prevenzione a tutela della salute e sicurezza, dentro e fuori i luoghi di lavoro, «dovrebbe essere una priorità per tutti - commentano - Istituzioni, Organizzazioni Sindacali, Associazioni datoriali e imprese». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine concludono: «Auspichiamo che Confindustria si riapra quanto prima ad un costruttivo confronto volto a favorire sintesi comuni anche partendo da posizioni che possono essere legittimamente diverse che ci consentano di costruire corrette e proficue relazioni sindacali. Confindustria sottolinea che le Marche camminano grazie all’industria manifatturiera ma, a sua volta dovrebbe ricordare che le imprese vivono grazie a lavoratrici e lavoratori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento