Il certificato anagrafico? Da ora lo si può chiedere anche ad altri comuni

Ad oggi sono circa 1500 i Comuni italiani che hanno accesso alla banca dati, a partire ovviamente da quelli di maggiore dimensione

Sei un residente di Jesi che si trova a Milano o Firenze o in molte altra città italiane ed hai bisogno urgentemente di uno stato di famiglia o di residenza? Nessun problema, sarà sufficiente recarsi all’anagrafe di quel Comune e farsi rilasciare in quattro e quattr’otto il relativo certificato. Jesi, prima città della provincia (a cui si sono unite poi anche Chiaravalle e Poggio San Marcello), è infatti entrata ufficialmente nell’Anagrafe nazionale della popolazione residente, una sorta di banca dati unica che semplifica notevolmente il servizio sia per la pubblica amministrazione che per il cittadino.

Ad oggi sono circa 1500 i Comuni italiani che hanno accesso alla banca dati, a partire ovviamente da quelli di maggiore dimensione. Presto sarà questa l’unica fonte dove confluiranno tutte le anagrafi, consentendo ai Comuni di svolgere i servizi, di consultare o estrarre dati, monitorare attività, effettuare statistiche, diventando l’unico punto di riferimento per l’intera pubblica amministrazione e per tutti coloro che sono legalmente interessati a tali dati, in particolare i gestori di pubblici servizi.

Di conseguenza, anche un cittadino residente in un Comune che ha aderito all’Anagrafe Nazionale potrà beneficiare del medesimo servizio rivolgendosi ai Servizi demografici di Jesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ad oggi - spiegano dall’Anagrafe Nazionale - le nostre identità sono disperse in ottomila anagrafi comunali. Dobbiamo portarle in una sola anagrafe, guadagnando in efficienza e risparmiando soldi ed energia, perché il cittadino non debba più preoccuparsi di comunicare a ogni ufficio della pubblica amministrazione i suoi dati anagrafici o il cambio di residenza, per semplificare le procedure di variazione e uniformarle a livello nazionale, perché sia possibile ottenere certificati senza più bisogno di recarsi allo sportello. Un passo essenziale nell’agenda digitale per rendere possibili successive innovazioni, poiché avere un database a livello nazionale permetterà di superare il modello dell’autocertificazione accorciando ed automatizzando tutte le procedure relative ai dati anagrafici”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento