Intascava le quote d’ affitto all’insaputa dell’Erap, funzionario condannato e licenziato

Il funzionario è stato condannato dalla Corte dei Conti alla restituzione di 115 mila euro. Anziani e immigrati delle case popolari erano diventate le sue galline dalle uova d’oro

foto di repertorio

Anziani e immigrati che vivevano nelle case popolari anconetane erano diventate le sue galline dalle uova d’oro. Tra il maggio del 2014 e il luglio del 2015 aveva incaricato i suoi collaboratori di riscuotere personalmente le quote d’affitto da un centinaio di appartamenti. Soldi che poi teneva per sé all’insaputa dell’Erap e che hanno portato i magistrati della Corte dei Conti a condannarlo per un danno erariale di circa 115mila euro. Il procedimento è tuttora pendente davanti alla magistratura penale ma il funzionario, un 55enne milanese che ha ammesso le sue responsabilità, è già stato licenziato. La notizia della condanna è stata diffusa durante l'inaugurazione dell'anno giudiziario della Corte dei Conti. 

Di norma il canone di locazione delle case popolari viene versato tramite bollettino postale, ma secondo quanto accertato dai magistrati contabili il funzionario aveva chiesto ad alcuni suoi collaboratori di riscuotere personalmente il denaro di alcuni inquilini con la scusa che molti di loro non potevano recarsi all’ufficio postale per questioni di distanza, età, difficoltà di movimento o di comunicazione. Una volta versata la quota, l’inquilino riceveva un pezzo di carta che veniva presentato come un proforma di ricevuta. Peccato però che all’Erap quei soldi non sono mai arrivati tanto che l’ente stesso ha provveduto a inviare ai malcapitati le lettere di morosità.

E’ stato proprio un'inquilino a chiedere spiegazioni presentando agli uffici il proforma in cui si attestava l’avvenuto pagamento, circostanza che ha portato l’ente a verificare gli ammanchi fino all’apertura dell’inchiesta. La condanna della Corte dei Conti risale al 18 gennaio, prevede la restituzione di 115mila euro che comprendono anche il danno da disservizio provocato. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

Torna su
AnconaToday è in caricamento