menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Padre Alberto Panichella

Padre Alberto Panichella

Sgombero Casa de Nialtri, il prete missionario: "Errore gravissimo del Comune"

Padre Alberto, il missionario saveriano vicino a Casa de 'Nialtri, dice la sua riguardo allo sgombero operato dal Comune. Spende parole anche per la manifestazione che si è trasformata in un assalto alla sede PD

Dopo lo sgombero di Casa de 'Nialtri del 5 febbraio scorso, a dire la sua è Padre Alberto Panichella, il saveriano che ha da sempre appoggiato l'occupazione dell'ex scuola Regina Margherita da parte di una cinquantina di senza tetto. Padre Alberto è un missionario saveriano che per 28 anni è stato nella favelas del Brasile, originario di Macerata, cittadino anconetano. Anche lui come tanti altri, è rimasto sorpreso dello sgombero operato dal Comune senza ordine giudiziario.

«L'annullamento di un'esperienza utilissima per il Comune, a costo zero, è stato un errore gravissimo. La giunta non ha proposte definitive e concrete per le migliaia, così si è espressa la Mancinelli, di senza-tetto di  Ancona- commenta Padre Alberto-. La distruzione autoritaria di questa iniziativa popolare di ampio consenso e successo è stata stupida, brutale e irrazionale». Al saveriano non va giù nemmeno il modo in cui l'ex scuola è stata sgombrata. «Lo schieramento bellico e la deportazione di inermi, i documenti sequestrati e le impronte digitali registrate hanno creato un'indignazione cittadina generale. Possiamo solo immaginare lo sgomento e lo spavento dei domiciliati di Casa de 'Nilatri che, privati della loro dignità, hanno  reagito magnificamente dissociandosi dalle soluzioni palliative e volendo rimanere uniti, al timone del movimento».

Padre Alberto ha poi parole per la manifestazione che si è svolta per le vie del centro dopo lo sgombero definendola un protesta corretta e contenuta considerando la rabbia delle vittime, la gravità della situazione e la disperazione.  Non condivide invece le intemperanze che si sono verificate.
«Avere una casa è un diritto e un dovere. Ci stiamo preparando al grande corteo di sabato 15 febbraio che partirà alle 17 da piazza Ugo Bassi. Ci aspettiamo di trovare tantissima gente. L'impegno dei deportati e del movimento Casa de 'Nialtri  continua, con nuove azioni di conquista» conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento