Sabato, 12 Giugno 2021
Cronaca

Truffe: anche i carabinieri di Senigallia sulle tracce di Mr. “Estesa Limited”

È stato denunciato in stato di libertà anche dai carabinieri di Senigallia (nello specifico dai militari della stazione di Corinaldo) il responsabile di una delle truffe telematiche più diffuse in questi ultimi tempi

È stato denunciato in stato di libertà dai carabinieri di Senigallia (nello specifico dai militari della stazione di Corinaldo) F. S. D., il cittadino ungherese nato nel 1947 responsabile di una delle truffe telematiche più diffuse in questi ultimi tempi.
Il cyber-criminale è infatti in realtà il mittente delle lettere ricevute che molti cittadini del senigalliese (ma è una vicenda che ha colpito tutta l’Italia) per posta ordinaria, recanti la richiesta di sollecito di pagamenti di 100 euro per un presunto abbonamento contratto con la società Estesa Limited attraverso il sito internet Italia.programmi.net.

Gli uomini dell’arma hanno seguito le tracce dei bonifici bancari e delle società intestatarie dalla Repubblica delle Seychelles fino a Roma passando per la Germania, paese da cui erano spedite le lettere in oggetto.
A quanto parte la vicenda è molto estesa, per portata, estensione e per il numero delle presunte vittime. Sembra  che le truffe poste in essere dal cittadino ungherese abbiano colpito Austria, Germania, Grecia, Cipro, Seychelles e Stati Uniti d’America.
Ad oggi è noto che l’autorità garante della concorrenza e del mercato ha avviato un’istruttoria nei confronti della società Estesa Limited titolare del sito internet Italia.programmi.net.
Più di una le procure della Repubblica in Italia che stanno conducendo indagini a tal proposito.

I carabinieri inviato a denunciare alle forze di polizia tutti i casi non ancora resi noti, al fine di comprendere le effettive dimensioni della truffa e identificare eventuali altri complici.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe: anche i carabinieri di Senigallia sulle tracce di Mr. “Estesa Limited”

AnconaToday è in caricamento