L'arma dei Carabinieri compie 206 anni: ricordate le vittime del virus. Ecco i dati dell'ultimo anno

Durante la cerimonia un pensiero è andato alle vittime del Covid-19, inoltre i dati parlano di meno criminalità

Carabinieri

Si festeggia oggi il 206esimo anniversario dalla nascita dell'Arma dei Carabinieri. Un appuntamento importante a cui si aggiungono le voci del Comando provinciale dei Carabinieri di Ancona e la Legione Carabinieri “Marche” che parlano di meno reati, furti e rapine da un anno a questa parte. Il Prefetto di Ancona, Antonio D’Acunto e il Comandante della Legione, Generale di Brigata Fernando Nazzaro, hanno deposto una corona d’alloro in ricordo dei tanti Carabinieri caduti nell’adempimento del dovere e che hanno, con onore, servito il nostro Paese. È seguito il silenzio d’ordinanza in memoria di tutti i Carabinieri scomparsi. Nell’occasione è stato rivolto un commosso pensiero a tutte le vittime del coronavirus, ai familiari e ai militari dell’Arma deceduti e contagiati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi non mancano i dati provinciali in questo giorno di anniversario: «Dall’analisi dei dati relativi alla situazione della criminalità - si legge nel comunicato stampa del comandando provinciale di Ancona a cura del colonnello Cristian Carrozza - nella provincia di Ancona, si rileva che nel corso del periodo in esame sono stati denunciati complessivamente 10.849 reati, in netto calo quindi rispetto all’omologo periodo di riferimento. Anche il rapporto reati consumati e scoperti ha subito un miglioramento, passando dal 35,7 percento del periodo di riscontro all’attuale 43,8 percento. Non sono stati consumati omicidi volontari. Per quanto riguarda i furti, reato statisticamente più incidente, si registra un notevole calo, passando da 5.516 agli attuali 3.604. Il rapporto tra delitti consumati e scoperti è migliorato passando da 9,9 percento a 12,5 percento. Tra le tipologie più diffuse abbiamo: i furti in abitazione, con destrezza, sulle auto in sosta e ai danni di esercizi comemerciali e sono tutti quanti decisamente in calo». Anche le rapine hanno subito una netta flessione, «passando - prosegue la nota - dalle 87 del periodo di riferimento alle 59 di quello in esame. Il rapporto delitti consumati e scoperti è rimasto pressoché invariato, passano dal 71,2 percento del periodo di riscontro, all’attuale 71,1 percento».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento