Palombina: castelli di sabbia “abusivi”, la Capitaneria interviene

Sull'arenile della spiaggia anconetana era in corso una gara di castelli di sabbia, ma a qualche bagnante la cosa non deve essere piaciuta, e sono stati chiamati gli uomini della Guardia Costiera

La vicenda è riportata dal Resto del Carlino, ed è a dir poco curiosa: il giorno di Ferragosto, sulla spiaggia di Palombina, la Capitaneria di Porto di Falconara è intervenuta per intimare la distruzione di una serie di… castelli di sabbia, a quanto pare costruiti in un posto che avrebbe creato problemi in vista di un’eventuale operazione di soccorso.

Sull’arenile era infatti in corso una competizione organizzata da uno degli stabilimenti balneari, e una nutrita folla dei virtuosi di paletta-e-secchiello si stava dando da fare proprio vicino al mare, dove la sabbia è bella bagnata e regge meglio la performance architettonica. Evidentemente la gara – che aveva richiamato anche molti osservatori, divertiti e appassionati – aveva dato fastidio a qualche ospite della struttura (magari con l’ombrellone in prima fila) e immediata era partita la chiamata alle autorità.

Sia chiaro: come ribadito anche dal quotidiano gli uomini della Capitaneria di Porto non hanno fatto altro che applicare un regolamento preciso, com’era – purtroppo o per fortuna – loro dovere fare, perché nel malaugurato caso in cui ci fosse stato bisogno di far transitare un’ambulanza le buche scavate dai partecipanti avrebbero potuto costituire un impedimento ai soccorsi.
Si può forse parlare però di “eccesso di zelo”, e certo la situazione ha creato non poca tensione con i presenti, che hanno applaudito in maniera provocatoria ai militari.

Alla fine è stato raggiunto un accordo con la proprietaria dello stabilimento, e si è potuto attendere che almeno la competizione giungesse vicina al termine prima di “demolire” le strutture abusive, fra mugugni di insoddisfazione e celate soddisfazioni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento