Cannabis terapeutica, nelle Marche nuova legge per l'accesso alle cure

Nuova legge sull'uso terapeutico della Cannabis per dare un pieno accesso ai malati alle cure con i medicinali cannabinoidi

Il Consiglio regionale delle Marche ha approvato all'unanimità il 1 agosto scorso, una nuova legge sull'uso terapeutico della Cannabis per dare un pieno accesso ai malati alle cure con i medicinali cannabinoidi. «Questo provvedimento - commentano Luciano Postacchini, presidente dell'associazione Di Sana Pianta e Renato Biondini, segretario cellula Coscioni di Ancona - oltre che coraggioso, viene emanato in un momento particolare. Ora piu’ che mai i malati si trovano in difficoltà’ nel ricevere le terapie a base di cannabis, su tutto il territorio nazionale, con una disparità’ di prezzi enorme e scarsa continuità’ terapeutica.

«E’ grazie alle nostre informazioni, iniziative e lotte di questi ultimi anni - continuano - che siamo riusciti a far modificare la precedente legge regionale sulla cannabis terapeutica del 2013, che presentava troppe lacune e limitazioni tanto che l’accesso dei malati a queste cure con la cannabis terapeutica era di fatto negato. Ringraziamo  il presidente della commissione Sanità e politiche sociali della Regione Marche Fabrizio Volpini e la  consigliera Romina Pergolesi del M5S,  che hanno preso a cuore le nostre istanze e, con coraggio e buon senso, hanno redatto e fatto approvare prima in commissione e poi in aula il testo di questa nuova legge, che accoglie molte delle nostre richieste di modifica della precedente normativa. In base a questa nuova legge la prescrizione potrà essere fatta dal medico curante, dallo specialista o dal medico di medicina generale e dal pediatra di libera scelta, sulla base di un piano terapeutico redatto da un centro autorizzato dalla Regione e in mancanza di alternative valide. I medicinali potranno essere erogati negli ospedali, nelle farmacie ospedaliere, farmacie pubbliche o private convenzionate. La legge promuove anche progetti pilota e azioni sperimentali in collaborazione con lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze e con le Università marchigiane ed i soggetti interessati. Vigileremo che entro 90 giorni la Regione Marche emani i relativi provvedimenti attuativi e che questa nuova legge venga applicata bene, velocemente e concretamente, consentendo di fatto un pieno accesso ai malati a queste cure con la cannabis terapeutica. Siamo pronti, come abbiamo già’ dimostrato in passato, a dare il nostro fattivo contributo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento