rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Cronaca Brecce Bianche

Breton azzannato per due volte, paura nel quartiere: «Alcuni cani sono come armi»

La denuncia di un lettore e residente della zona che per due volte in pochi mesi ha vissuto questo incubo: la prima con un pitbull e la seconda con un pastore tedesco

Una passeggiata tranquilla con il proprio amico a quattro zampe può trasformarsi in un incubo. È quanto accaduto nella zona di Brecce Bianche ad un residente che, per ben due volte, ha visto il suo cane Zeus (nella foto)WhatsApp Image 2022-01-18 at 17.34.02-2, un breton di 12 anni, azzannato da due grossi cani. «A settembre – racconta - un pitbull l’ha attaccato alla gola e, domenica scorsa, un grosso pastore tedesco l’ha morso in più punti». Nel caso del pitbull «non era al guinzaglio» e «l’ha azzannato all’improvviso». Ci sono voluti tempo e cure prima che si riprendesse del tutto. Durante l’ultimo attacco, invece, Zeus ha riportato diverse ferite provocate dal pastore tedesco «tra cui una lesione alla zampa con dei fori lasciati dai denti del cane, una ferita all’interno spalla, una al posteriore». Erano passate da poco le 18 quando il pastore tedesco sarebbe, secondo il racconto dell’uomo, sfuggito al controllo della padrona dopo che il guinzaglio si era rotto. «Il cane dopo l'agguato è rimasto immobile a terra. Non si muoveva. C’era molto sangue e ci siamo rifugiati in macchina». Poi la corsa dal veterinario e gli antibiotici. «Non credevo che avrebbe passato la notte. Per fortuna ora si sta riprendendo – prosegue – anche se ha ancora difficoltà a muovere la zampa».

Nella zona di Brecce Bianche non è la prima volta che avvengono incidenti come questi. È capitato anche che a finire in pronto soccorso fossero i padroni stessi che, per intervenire e sedare la zuffa, riportassero ferite o contusioni. «La colpa non è degli animali – prosegue il padrone di Zeus - ma serve gestirli in modo corretto, soprattutto con certe razze che possono essere armi a tutti gli effetti. In alcune regioni serve un patentino per “cani speciali” come i molossi. Servirebbe anche qui un tipo di monitoraggio attento. Perché vorremmo essere liberi di uscire senza la necessità di guardarci sempre alle spalle».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Breton azzannato per due volte, paura nel quartiere: «Alcuni cani sono come armi»

AnconaToday è in caricamento