rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Incastrato e dimenticato, l’odissea di Chippy: salvato per la seconda volta in un mese

Il cagnolino è stato salvato una prima volta a fine settembre, ma pochi giorni fa è stato trovato di nuovo abbandonato nello stesso posto. La sua storia

E’ stato salvato una volta, poi se ne sono perse le tracce e dopo più di un mese è ricomparso nello stesso posto: legato e abbandonato in un’area sotto sequestro penale della Baraccola. Chippy, un meticcio di circa 4 anni, è stato portato via nel pomeriggio di oggi dai volontari delle associazioni “Biagio’s Group”, “Oipa” sezione di Ancona” e “Cani e gatti solo per amore”. Sul posto anche i carabinieri del Noe, che hanno consentito l’accesso all’area e supervisionato le operazioni. Il cane si trova ora al sicuro, in una stanza dei servizi veterinari dell’Asur, in attesa di essere visitato. 

La storia è cominciata il 21 settembre, quando i carabinieri hanno sequestrato l’area occupata da una roulotte tra diverse sdraio e tanta ferraglia. Di Chippy però quel giorno non c’era traccia. E’ comparso il 28 settembre, con la catena del collare impigliata tra le maglie di una rete adibita a cancello. Non poteva muoversi, neppure per tornare alla propria cuccia, e chissà da quanti giorni era esposto alle intemperie. La segnalazione è stata raccolta dall’Oipa, sul posto è arrivato il personale dell’Asur, le forze dell’ordine, due guardie zoofile della stessa Oipa e un volontario della Biagio’s Group. Portato, come da prassi, al servizio sanitari dell’Asur, il cane è poi stato riconsegnato al proprietario dietro il pagamento di una sanzione per omessa custodia. Di Chippy si sono poi perse le tracce fino a sabato scorso, quando una volontaria della Biagio’s Group lo ha notato di nuovo in quel posto. Stavolta era legato alla cuccia con la catena del collare, privo di acqua e cibo. 

Il salvataggio del cane Chippy

 

Oggi le nuove operazioni di salvataggio. Chippy era magro e talmente impaurito che non è neppure voluto uscire dalla cuccia. I volontari hanno dovuto caricare in macchina quella casetta di plastica, con il cagnolino all’interno, per portarlo di nuovo ai servizi veterinari. Il cane è ora sotto sequestro e sarà visitato nelle prossime ore. Poi verrà portato in un canile, in attesa di una famiglia che si prenda cura di lui.  
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incastrato e dimenticato, l’odissea di Chippy: salvato per la seconda volta in un mese

AnconaToday è in caricamento