Strage di animali, muoiono anche cani e gatti: i carabinieri forestali diffidano l’Enel 

Domenica mattina è stato trovato un gattino senza vita nel canale idroelettrico che negli ultimi mesi ha fagocitato innumerevoli esemplari. Lettera dei carabinieri alla multinazionale

Un gatto morto nel canale

L’Enel si faccia carico del canale killer di Sant’Elena e lo sistemi in modo da fermare la strage di animali che va avanti da tanti, troppi, mesi. L’invito, caldo al punto da somigliare più a una diffida, è arrivato per iscritto all’azienda di energia da parte dei carabinieri forestali.

L’esortazione dei militari, che segue quella lanciata dall’Enpa di Fabriano, è quella di provvedere al ripristino delle recinzioni divelte intorno al canale idroelettrico a poca distanza da Serra San Quirico, ma anche di implementare altri tipi di soluzione come ad esempio una rampa permetta agli esemplari che cadono nel canale di risalire o quantomeno provarci. Per gli animali selvatici, guidati da uno spiccato istinto di sopravvivenza, non si tratta di fantascienza. Dopo le carcasse trovate negli ultimi mesi di caprioli, istrici, tassi e cani domenica è spuntata anche quella di un gattino. Gli esemplari che hanno perso la vita dopo essere caduti nel fossato ormai non si contano più e anche le cause della morte sono diverse: lesioni interne, annegamento e altro. 

Il canale si è nel tempo trasformato in un cimitero a cielo aperto e nelle ultime ore è stata proprio l’Enpa fabrianese, dopo aver sollevato il problema, a cercare un rimedio alla carneficina. Domenica mattina i volontari hanno chiuso alcuni strapiombi con dei nastri capaci non solo di impedire l’eventuale incidente ma anche di dissuadere l’animale puntando proprio sulla colorazione delle recinzioni (GUARDA IL VIDEO). L’operazione però non è stata possibile per tutta la tratta. I punti più pericolosi infatti restano inaccessibili all’essere umano a causa della vegetazione. Durante il sopralluogo inoltre è stato evidenziato come le recinzioni siano totalmente assenti per diverse decine di metri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento