menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La processione della Madonna di Loreto

La processione della Madonna di Loreto

Loreto, pellegrini in calo per la "Venuta": piazza commossa al passaggio della processione

A fine serata la piazza si è stretta in un momento di commozione per il passaggio della processione della Madonna di Loreto. Mentre, tra il clamore generale, migliaia di fedeli hanno sventolavano fazzoletti bianchi

Provenivano da tutta Italia anche se sono stati molto meno degli anni scorsi i pellegrini arrivati a Loreto mercoledì per la rievocazione della “Venuta” della Santa Casa, l’evento religioso che ogni anno si celebra tra il 9 e il 10 dicembre. Tuttavia i numeri non hanno deluso e, a fine giornata intorno alle 23:30, migliaia di fedeli si sono commossi al passaggio della processione solenne della Beata Vergine Maria. Cuore pulsante della fede mariana è stata una piazza della Madonna tutt’altro che blindata, nonostante il livello massimo di allerta. Tutto è scorso senza intoppi con i 4 ingressi presidiati dalle Forze dell’Ordine. Ad ogni angolo c’erano almeno 5 unità tra Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, armati di giubbotto antiproiettile, mitra, metal detector e col compito di fermare e controllare ogni persona sospetta. In più diversi uomini in borghese e unità militari tra la folla. 

E forse c'è stata anche la paura alla base del calo dei fedeli rispetto al passato. Lo testimoniano gli stessi presenti. Come Luigi Cavatassi, 60 anni di Tortoreto: «Sì c’è meno gente dell’anno scorso per via della psicosi del terrorismo. Anche noi eravamo in dubbio fino a stamattina. Poi ci siamo decisi e siamo partiti. Lo abbiamo fatto per la Madonna». Anche Maria Teresa, 60 anni di Martinsicuro, ha ammesso: «Rispetto all’anno scorso la piazza è più vuota. Con tutto questo allarme terrorismo, certo che ci abbiamo pensato, ma noi siamo molto devote e alla fine siamo partite perché la Madonna ci aiuti». Piazza più spoglia, almeno all’inizio, anche per i commercianti. Emanuel Vecchioli di “Edò Ricordi”, che vende oggetti sacri, ha detto: «Abbiamo lavorato come in passato. Ma l’anno scorso c’era una piazza stracolma, quest’anno è semi vuota». Parole confermate da Omar Barroso del centralissimo “Bar Belli”: «C’ è quasi la gente dell’anno scorso, ma molta meno di 2 anni fa. Secondo me é colpa della crisi generale, poi chi è molto devoto viene per la Madonna a prescindere da tutto». Ma la piazza loretana resta una delle principali mete del turismo religioso da parte di persone provenienti da diverse regioni: Puglia, Abruzzo, Molise. Ma anche dalle altre province marchigiane. Come 3 osimani che hanno fatto il tragitto a piedi, partendo alle 14:00 da Osimo e arrivando alle 18:40 al centro di Loreto. 

Alle 17:30 al via la veglia con la benedizione del fuoco e la rievocazione storica della “Venuta” della Santa Casa che, quest’anno, ha visto anche la proiezione di scene sacre della tradizione mariana sulla facciata della basilica. Mentre una 50ina di volontari della Protezione Civile lavoravano a supporto dell’organizzazione. Per eventuali emergenze sanitarie presenti anche 90 militi della Croce Rossa. Personale impegnato anche per rifocillare i fedeli con bevande calde, mentre quest’ultimi erano in coda lungo dei corridoi transennati in attesa di entrare nella basilica. Alle 21:00 infatti è stato il momento della messa solenne, condotta dal cardinale e arcivescovo della diocesi Ancona-Osimo Edoardo Menichelli. Chiesa gremita. Mentre le centinaia di persone rimaste fuori, si sono accalcate intorno alla fontana Maggiore per seguire il rito su un maxi schermo posto sul lato nord della piazza. Per tutti una giornata di festa e di preghiera, sfidando stanchezza e il freddo. C’è stato anche chi si è organizzato con sgabelli pieghevoli, coperte di lana e thermos con tanto di bevande calde e panini. Ognuno con l’unico intento di rendere grazia alla Beata Vergine. Poi alla fine della messa sono arrivati tanti loretani. La piazza si è stretta in un momento di grande commozione per il passaggio della processione della Madonna di Loreto. Mentre, tra il clamore generale, i fedeli hanno sventolavano fazzoletti bianchi, salutando il simbolo della vicinanza eterna di Maria nei confronti di ognuno di noi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento