Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Ancona 1905, la verità di Gianluca Ius: «La proprietà ai tifosi è un bluff»

Una partita finita con un nulla di fatto. Gianluca Ius, imprenditore romano appassionato della squadra di calcio dell’Ancona, esprime la sua amarezza e la sua delusione per l’epilogo della vicenda che lo ha visto protagonista

L'imprenditore romano Gianluca Ius

ANCONA - «Tutti i tifosi sono stati ingannati. Sosteniamolancona non avrà mai la proprietà della squadra, ne la gestione sarà mai nelle mani dei tifosi». A parlare è Gianluca Ius, il 37enne imprenditore romano, salito alle luci della ribalta per l'intenzione di voler acquistare le quote della società dorica.

Le trattative per il passaggio di proprietà erano iniziate lo scorso mese di marzo, quando il manager romano era venuto a conoscenza che la società guidata allora da Andrea Marinelli, era stata messa in vendita. Subito erano iniziati i contatti con la proprietà, la quale secondo Ius, aveva confermato l'intenzione di voler trovare un nuovo acquirente.

Poi a Giugno la decisione di Marinelli di cedere a titolo gratuito le quote a Sosteniamolancona, dimostrando di volersi fare da parte, mantenendo però il proprio appoggio finanziario alla società, con le fideiussioni a garanzia dell'iscrizione al campionato e la sponsorizzazione da parte delle sue imprese. A questo punto, sempre secondo il manager romano, i contatti per l'acquisto della società sono proseguiti con Sosteniamolancona, con l'a.d. David Miani a portare avanti le trattative.

«Sosteniamolancona mi ha offerto una carica sociale di rilievo - continua Ius - chiedendomi come contropartita finanziamenti alla squadra. Le trattative sono durate sei mesi e sono arrivate al punto tale da ufficializzare il mio ingresso in società e di propormi da parte loro la presidenza della squadra, di fronte al mio impegno di farmi carico dei costi per la ristrutturazione di un centro sportivo». Poi la richiesta senza successo del manager di visionare l'atto di cessione delle quote di Marinelli a Sosteniamolancona: «Da una visura presso la Camera di Commercio la cessione non risulta effettuata. Appare chiaro che Marinelli non ha intenzione di cedere a titolo gratuito le proprie quote di maggioranza all'associazione dei tifosi - accusa Ius - bensì starebbe cercando di far apparire che questa è destinata a diventare la reale proprietaria dell'Ancona solo per attirare in questo modo imprenditori e sponsor».

Il manager, che in assenza di ulteriori sviluppi, afferma di voler interrompere le trattative, chiude in questo modo: «L'Ancona è in fuorigioco. Sconfitta sia sul campo (in Coppa Italia contro la Robur Siena ndr.) che a livello societario. Questa è una vicenda fumosa e non è chiaro come si possano cedere le quote di una Srl, quando queste stesse quote verranno conferite in una fondazione. Ritengo di essere stato ingannato, ma soprattutto lo sono stati i tifosi».

Per ora la società biancorossa ha preferito non rispondere alle accuse di Gianluca Ius, dichiarando di non voler commentare quanto detto dal manager romano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancona 1905, la verità di Gianluca Ius: «La proprietà ai tifosi è un bluff»

AnconaToday è in caricamento