Maratona di lettura, testimonianza choc della calciatrice: «Mia madre vittima di violenza»

«Quella di Sofia è stata una testimonianza davvero toccante e ho ammirato il coraggio di questa ragazza nel parlare pubblicamente della sua storia» ha detto il sindaco Signorini

Sofia Vieira

Una testimonianza diretta della violenza subita da una donna è arrivata ieri pomeriggio dalla biblioteca comunale di Falconara, all'interno del Centro Pergoli di piazza Mazzini. A portare il racconto di vita vissuta è stata la calciatrice portoghese Sofia Vieira, nuovo acquisto del Città di Falconara: la giovane atleta, che ha aderito alla maratona di lettura "150 minuti x 150 donne", anziché leggere un brano per sensibilizzare contro la violenza di genere ha deciso di raccontare le percosse di cui è rimasta vittima Rosa, sua madre, il clima di terrore subito anche dai figli, fino alla decisione di lasciare l'uomo che la maltrattava per proteggere se stessa e i suoi ragazzi. Una testimonianza inaspettata che ha lanciato un messaggio forte nell'ambito della rassegna 'Basta!', organizzata dal Comune di Falconara contro le violenze di genere. La maratona si è aperta alle 15.30 di ieri, venerdì 29 novembre, con la lettura del sindaco Stefania Signorini, che ha scelto un testo della criminologa Roberta Bruzzone, cui è seguito appunto l'intervento di Sofia Vieira. In platea anche il presidente del Città di Falconara Marco Bramucci, che ha voluto registrare la testimonianza della calciatrice e l’ha pubblicata sulla pagina Facebook della società. «Vi ricordo che questa è una storia di successo, in cui il coraggio di una donna ha vinto sulla violenza. Però anche questa storia avrebbe potuto avere una vittima: è responsabilità di tutti denunciare e aiutare chi è in difficoltà» ha concluso la Vieira.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Quella di Sofia è stata una testimonianza davvero toccante – dice il sindaco Stefania Signorini – e ho ammirato il coraggio di questa ragazza nel parlare pubblicamente della sua storia. Ci ha raccontato non solo della violenza, ma anche del legame speciale che si era creato tra madre e figli, cui bastava uno sguardo per capirsi, fino alla decisione di lasciare dopo tanti anni l'uomo che non amava né lei, né i ragazzi. Testimonianze come questa sono capaci di far arrivare un messaggio forte ed era proprio questo l'obiettivo della nostra rassegna».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Focolaio dopo una festa, Pietralacroce col fiato sospeso: anche il parroco in quarantena

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Bambini positivi, classi intere in quarantena: il virus corre nelle scuole dei piccoli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento