Esplodono colpi in direzione di una casa, colpita un'auto: denunciati tre cacciatori

I cacciatori sono stati denunciati per aver esploso dei colpi di fucile in direzione di una casa a distanza ravvicinata

Nei giorni scorsi i Carabinieri Forestali del NIPAAF, del Nucleo CITES di Ancona e delle Stazioni Forestali di Ancona, Senigallia e Conero hanno eseguito su delega della Procura della Repubblica di Ancona, una serie di perquisizioni, presso tre abitazioni in Comune di Ancona, riconducibili a tre cacciatori indagati per il reato di esplosioni pericolose.

I cacciatori sono stati denunciati per aver esploso dei colpi di fucile in direzione di una casa a distanza ravvicinata, in una zona rurale del Comune di Ancona, colpendo anche un veicolo parcheggiato ed un albero dove alcune persone erano intente a raccogliere della frutta. Nel corso delle attività sono state trovate alcune munizioni incustodite in un appartamento nel quale risultavano presenti dei bambini e in una casa nella quale non risultavano denunce di armi e munizioni, risultata poi in uso agli indagati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Trovate anche nell’aia di un’abitazione rurale di proprietà dei cacciatori, a distanza molto ravvicinata dall’immobile, un’altana e un appostamento, circondati da vegetazione, idonei e presumibilmente utilizzati per attività di caccia ai colombacci. Inoltre in due congelatori nell’abitazione di due degli indagati, sono state trovate e sequestrate carni di selvaggina, tra cui cinghiale e fagiano, la cui detenzione risultava non giustificata. Nel complesso quattro persone risultano indagate, due ritenute responsabili del reato di esplosioni pericolose delle quali una anche del reato di omessa custodia di munizioni in luoghi con presenza di minori o persone incapaci, mentre altre due solo di quest’ultimo reato. Tutti rischiano le pene previste dal Codice Penale e dalla Legge sulle armi, che vanno dall’ammenda all’arresto fino a due anni oltre alla revoca della licenza di caccia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento