Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

“Il bullo rimane a piedi”: alle Rodari il progetto anti bullismo negli scuolabus

Il progetto sarà inserito nella rete EAN - European Anti-bullying Network", un programma che mira alla costituzione di una Rete Europea per lo sviluppo di una strategia comune contro il bullismo

Dopo una serie di incontri e la produzione di un video, si è concluso il progetto di prevenzione del fenomeno del bullismo negli scuolabus “Leaderbus” promosso dall’assessorato alle Politiche Educative del Comune di Ancona e realizzato dalla Compagnia Teatrale Fuoricopione, dalla Cooperativa “Coo.SS Marche” e dalle insegnanti della scuola primaria “G. Rodari”.
La scelta della scuola è stata fatta sulla base della segnalazione di alcune situazioni problematiche, sulle quale si è ritenuto importante intervenire con attività educative specifiche.     

Il progetto ha coinvolto 34 ragazzi di età compresa tra 7 e 11 anni, con attività di drammatizzazione, discussione, animazione, svolte presso il laboratorio multimediale e la biblioteca della scuola . Al termine è stato prodotto un video con le interviste ai ragazzi e i risultati raggiunti grazie al lavoro educativo svolto dagli operatori educativi.
Il progetto mirava a prevenire episodi di bullismo all’interno dello scuolabus e a costruire un sistema di regole, comportamenti e atteggiamenti che potessero aiutare a vivere bene con se stessi e con gli altri.
Gli operatori educativi hanno individuato insieme ai ragazzi i comportamenti che prefigurano situazioni di prepotenza e di sopraffazione durante il trasporto con lo Scuolabus, proponendo – nei casi più difficili- una leadership positiva - e comunque potenziando le abilità sociali, la cooperazione e la solidarietà all’interno del gruppo.    

Importanti gli interventi a sostegno della responsabilizzazione dei ragazzi più problematici limitandone i comportamenti prevaricatori attraverso la condivisione e il rispetto delle regole all’interno dello Scuolabus.
Oltre ai ragazzi il progetto ha coinvolto anche gli insegnanti e le famiglie destinatari di interventi per la mediazione del conflitto e della relazione tra i pari, per poter riconoscere e affrontare le situazioni di difficoltà causate da atteggiamenti di bullismo agito o subito dai minori con interventi di informazione e condivisione delle attività e dei risultati del progetto.

Nel corso degli incontri i ragazzi, divisi in due gruppi di età eterogenea, si sono mostrati interessati e attivi nell’analizzare gli argomenti proposti e hanno raccontato le loro esperienze personali vissute all’interno dello scuolabus attraverso differenti canali espressivi: disegni, slogan, piccoli testi e racconti orali. Poi, attraverso brevi drammatizzazioni, hanno rappresentato situazioni di bullismo e hanno trovato possibili soluzioni positive per risolvere i vari conflitti.

Anche i ragazzi che erano stati protagonisti di episodi negativi nello scuolabus hanno partecipato con entusiasmo e apprezzabile spirito collaborativo.
Tutte le attività sono state filmate e sono state raccolte in un DVD che potrà essere utilizzato come strumento di sensibilizzazione contro il fenomeno del bullismo.

Secondo l’assessore  alle Politiche Educative Tiziana Borini, i fenomeni di bullismo nella scuola di base (primaria e secondaria) nella città di Ancona sono molto contenuti e possono essere coerentemente affrontati con interventi educativi mirati, coinvolgendo un’ampia gamma di soggetti dalle scuole alle famiglie al territorio.

Il progetto sarà inserito nella rete EAN – European Anti-bullying Network”,  un progetto che mira alla costituzione di una Rete Europea per lo sviluppo di una strategia comune contro il bullismo (https://www.antibullying.eu), finanziato dal programma Daphne III della Commissione Europea, vede impegnate 17 diverse organizzazioni provenienti da 12 stati membri dell’UE.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Il bullo rimane a piedi”: alle Rodari il progetto anti bullismo negli scuolabus

AnconaToday è in caricamento