Pontelungo, i ladri bucano il muro: furto al centro sportivo Eschilo

I malviventi, una volta entrati, si sono messi alla ricerca di una cassaforte che non hanno trovato, infatti quando è arrivata la Polizia, gli agenti hanno trovato quadri e poster buttati a terra

Il muro della palestra Eschilo riparato dagli operai

Un buco nel muro che dà sulla stanza a pochi passi dalla centralina elettrica, da manomettere, per disattivare il sistema d’allarme dell’intera struttura. Un colpo da professionisti. Un furto studiato a tavolino quello messo a segno nella notte scorsa al centro sportivo Eschilo di Pontelungo. La stessa palestra in cui, nel gennaio del 2015, la banda del buco sfondò 12 muri per rubare computer e soldi senza far scattare l'allarme. Questa volta i malviventi, una volta entrati, si sono messi alla ricerca di qualcosa di preciso: una cassaforte che non c’era. E’ stata questa la prima intuizione degli agenti di Polizia che, una volta arrivati sul posto, hanno trovato quadri e poster buttati a terra. I ladri hanno dunque passato al setaccio le stanze e le pareti delle sale, senza esito. Tuttavia hanno trovato il contante del fondo cassa e altro denaro nei cassetti degli uffici. In tutto un colpo da qualche migliaio di euro su cui adesso indagano le Squadre Volanti e la Polizia Scientifica

I ladri hanno agito nella notte, approfittando forse delle condizioni meteo che, in una notte di temporali, agevolerebbero chi si muove nella penombra. Fatto sta che i banditi sono arrivati nel parcheggio e, con una mazza, hanno sfondato il muro laterale degli spogliatoi. Un colpo preciso, in modo da poter entrare nello stanzino delle pulizie. Pochi metri più in là c’era la centralina elettrica, dove sono stati staccati tutti i collegamenti del sistema antifurto. Da lì in poi è stato facile muoversi per i ladri, che hanno anche tentato di forzare un pannello di cassette di sicurezza, solitamente usate dai clienti per lasciare oggetti personali durante l’attività fisica. Senza riuscirci.

Ad accorgersi dell’accaduto è stata una delle dipendenti, arrivata molto presto per aprire il centro sportivo ai clienti del sabato mattina. Immediata la chiamata alla sala operativa della Questura. Gli investigatori ora partiranno dall’analisi delle immagini dalle telecamere interne ed esterne, con la speranza di poter dare un identikit almeno ad uno dei responsabili. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento