Passa su una buca e si frattura il piede: «Chiederò i danni al Comune»

La donna racconta la disavventura e non nasconde la sua rabbia

A sinistra la gamba rotta dello sventurato e a destra la buca

Camminare lungo la pista ciclabile e all’improvviso ritrovarsi a strillare dal dolore e con un malleolo fratturato. E’ quello che è successo venerdì mattina ad una donna anconetana per colpa di un tombino lungo via Giordano Bruno. «Chiederò il risarcimento danni al Comune- ha detto la donna, che ora si trova a casa con il piede destro ingessato- quel tombino non può essere tenuto in quelle condizioni, tanto più per il fatto che si trova su una pista ciclabile dove passano anche dei bambini in bicicletta». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fatto è accaduto intorno alle 9, leidoveva presentarsi a un appuntamento proprio in via Giordano Bruno prima di recarsi al lavoro dove era attesa alle 9,40. «Faccio la collaboratrice scolastica, dovevo andare al lavoro e per carità, andavo di fretta, ma non posso certo stare sempre a guardare per terra mentre cammino». Dopo aver attraversato la strada e aver imboccato a piedi la pista ciclabile il suo piede destro è passato su quel tombino un po' troppo affossato: «Non l’ho visto proprio, ho sentito lo scricchiolio al piede e ho iniziato a urlare dal dolore». Urla che sono state raccolte da una signora che stava uscendo dal garage in macchina: «E’ venuta da me e mi ha consigliato di fare denuncia». La donna ha quindi aspettato l’arrivo del 118 seduta su un gradino e con il piede ancora dolorante. Dopo l’applicazione del ghiaccio è scattata la corsa al pronto soccorso di Torrette. Il referto del radiologo parla chiaro: frattura dell’apice del malleolo peroneale destro, gesso e prognosi fino al 5 giugno: «Poi dovrò rifare i raggi e vedremo» ha commentato amaramente l'infortunata, che si è già rivolta a un avvocato: «Ho telefonato ai vigili urbani, mi hanno detto di inoltrare all’ufficio infortuni la relazione con le dichiarazioni della testimone, ma io non mi posso muovere e preferisco fare tutto tramite il legale». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, chiusure delle attività commerciali per evitare il lockdown

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

  • Accoltellato in strada mentre cammina, i carabinieri danno la caccia a 2 uomini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento