Fatta vivere per anni tra bidoni, spazzatura ed escrementi: Camilla ora è salva

Queste le condizioni in cui è stata trovata Camilla, una breton di circa 16 anni, dalle guardie zoofile dell’OIPA Ancona

Camilla e le guardie zoofile dell'Oipa

Reclusa da anni all’interno di un magazzino con le finestre oscurate, in cui erano ammassate
reti da pesca, attrezzi, contenitori e bidoni con solventi, spazzatura, escrementi e tanto altro ancora, mentre in un angolo era presente una minuscola cuccia improvvisata, del cibo e una rete del letto utilizzata come recinto di fortuna: queste le condizioni in cui è stata trovata Camilla, una breton di circa 16 anni, dalle guardie zoofile dell’OIPA Ancona, durante un intervento a pochi passi dal centro del capoluogo marchigiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il momento del salvataggio - VIDEO

Un’ennesima situazione di degrado totale quella trovata dal nucleo delle guardie zoofile dell’OIPA di Ancona che, dopo alcuni sopralluoghi atti a verificare la presenza del cane, sono poi intervenuti procedendo al sequestro immediato dell'animale. Dalle indagini è emerso che il cane, dopo aver trascorso i suoi primi anni come cane da caccia, era diventato un peso ed è stato così recluso in un magazzino per anni. «Questo è l'ennesimo caso di abbandono ed isolamento nei confronti di cani che, terminato il loro scopo venatorio, diventano un peso e vengono confinati all'interno di garage, rimesse, magazzini, case di campagna isolate o peggio ancora di appartamenti in disuso – dichiara Rocco Coretti, coordinatore guardie zoofile dell’OIPA per la regione Marche – È un fenomeno che registriamo costantemente, ma ricordiamo che tale detenzione è vietata dalla nostra Legge Regionale e, nel caso di Ancona, anche dal Regolamento Comunale e può configurare anche il reato di detenzione incompatibile con l'etologia della specie, previsto dall'art. 727 comma 2 del Codice Penale».

Camilla è stata così sequestrata dalle guardie zoofile dell’OIPA di Ancona e condotta presso la struttura sanitaria competente dov’è già stata visitata con attenzione. Nonostante la reclusione forzata a cui era stata sottoposta, Camilla è molto curiosa, dolce e affettuosa ed è in attesa di una famiglia che possa adottarla per darle, finalmente, la vita che merita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento