Dubbi M5S sull'uscita a Nord: «Perché nessuno ancora ci ha mostrato il progetto?»

Il consigliere Quacquarini sulla bretella di collegamento porto-Statale 16: «Non possiamo fidarci a scatola chiusa, si convochi una commissione»

Gianluca Quacquarini

«Perché non ci mostrano in consiglio comunale il progetto per il collegamento tra il porto di Ancona e la variante alla Statale 16?». Gianluca Quacquarini, consigliere M5S, esprime dubbi sul maxi progetto dell’Anas, una bretella da 3 km con viadotti e gallerie, per risolvere il nodo della viabilità in uscita dal porto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Da due giorni si legge che l'Anas avrebbe completato lo studio di fattibilità tecnico-economica per la progettazione del collegamento tra lo scalo portuale di Ancona e la Statale 16, che porta poi verso l'autostrada A14, la cosiddetta Uscita a Nord - scrive Quacquarini in una nota -. L’assessore Ida Simonella ha dichiarato che “questo progetto è di massima importanza per la città, non è davvero il caso di dividersi”. Benissimo, ma l’assessore ha visto il progetto? Se si chiede condivisione si dovrebbe dare una corretta informazione alla città e in particolare al consiglio comunale. O dovremmo “fidarci” a scatola chiusa come per la famosa “storica firma” mai avvenuta per l'Uscita a Ovest? Si convochi, quindi, subito la commissione competente, con la presenza dei capigruppo consiliari, per verificare il progetto. Per parte nostra daremo il nostro fattivo contributo, così come abbiamo fatto all'epoca sull’Uscita a Ovest insieme a Sinistra per Ancona e ai comitati. Purtroppo al tempo la Simonella, la Giunta e la maggioranza non ci dettero ascolto e proseguirono ad inseguire l’Uscita a Ovest “a costo zero”. C’è voluto un Ministro (né nostro, né loro), ma un Ministro della Repubblica, che ci ha ascoltato e che ha cassato una convenzione che, ad avviso dello stesso Delrio “non stava in piedi”. Proprio quello che abbiamo ripetuto, per anni, inascoltati. Quindi tutto il tempo che ha perso la città ricade proprio su chi oggi invoca condivisione. Ma prima vogliamo vedere. Non possiamo fidarci». 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ancona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento