Emergenza Covid, arrivano i bonus per gli operatori di pulizia e sanificazione

Il premio viene ripartito tra gli enti del servizio sanitario per poi essere suddiviso tra le aziende appaltatrici

Foto di repertorio

Un premio al personale dei servizi di pulizia e sanificazione per l’impegno nel periodo dell’emergenza Covid 19. Ammontano a 96mila euro le risorse che la giunta regionale ha deciso di assegnare agli enti del Servizio sanitario regionale e che verranno poi trasferite alle imprese appaltatrici così come previsto dal verbale d’intesa sottoscritto dal Presidente della giunta regionale e dalle organizzazioni sindacali confederali il 20 aprile 2020 “Politiche regionali di innovazione e qualificazione del Sistema Sanitario Regionale correlate al periodo di emergenza da pandemia del virus COVID-19, con specifica attenzione alla remunerazione delle particolari condizioni del personale impegnato nell’emergenza e volte a compensare il disagio, rischio e intensità dell’impegno professionale profuso e ad azioni di incremento del personale e stabilizzazione del precariato”.

La ripartizione

La nota difusa dalla Regione Marche specifica che la ripartizione è così prevista:

- ASUR: € 66.400
- AOU Ospedali Riuniti di Ancona: € 11.400
- AO Marche Nord €16.000
- INRCA: € 2.200

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il provvedimento trova motivazione nel fatto che il personale delle ditte appaltatrici non può essere destinatario delle misure di valorizzazione dello speciale apporto dato dal personale dipendente nelle particolari condizioni di rischio e impegno richieste dall’emergenza, in quanto correlate a percorsi contrattuali oggetto di specifici interventi legislativi, da attuarsi con le previste relazioni sindacali regionali e aziendali – si legge nella nota stampa- è stato quindi rilevato, a cura degli enti del Servizio sanitario regionale, il numero degli operatori di supporto quali addetti alle pulizie e sanificazione degli ambienti, dipendenti di cooperative o altre imprese ovvero somministrati, impegnati nelle aree COVID-19 per almeno una settimana nel corso dei mesi di marzo e aprile 2020. Il fondo destinato dalla Regione alla valorizzazione di questi lavoratori verrà ripartito fra le Aziende in proporzione alle unità rilevate per il successivo trasferimento alle imprese datrici di lavoro, cui sarà richiesta specifica rendicontazione». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Va a votare, viene presa a calci e pugni da uno sconosciuto: choc al seggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento