Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Dalle Marche all'Inghilterra, una nuova birra artigianale: la sfida di due anconetani

Sono anconetani e hanno lanciato la sfida imprenditoriale alle Marche, all'Italia e ai mercati esteri con il nuovo brand: Mascalzone. L'idea nasce ad Ancona nel 2016 da due giovani imprenditori

Un marchio che raccolga le eccellenze enogastronomiche marchigiane in primis, ma anche del resto dell’Italia, a cominciare dalla birra. E’ così che due anconetani hanno lanciato la sfida imprenditoriale alle Marche, all’Italia e ai mercati esteri con il nuovo brand: Mascalzone. L’idea nasce ad Ancona nel 2016 da due giovani soci: il 37enne Marco Panzavuota e il 32enne Davide Picciafuoco. «Ci è sembrato il modo migliore per approcciare il mercato del food & beverage perché attraverso accurate ricerche di prodotto ed una ricetta del tutto personalizzata pensiamo di poter trasmettere la passione, l’originalità e le idee» ha detto Davide Picciafuoco, già operativo come imprenditore nel settore delle energie rinnovabili. «E poi ci piace bere la birra e allora ci siamo buttati nel food».

La loro avventura prende il via con birre artigianali di qualità prodotte in uno stabilimento birrificio di Fano, acquisendo una linea di produzione per fare però una birra che fosse tutta loro. «Insieme al mastro birraio abbiamo inventato una nova ricetta - ha  proseguito Picciafuoco - Ora l’abbiamo distribuita nei ristoranti anconetani come il ristorante di Alberto Berardi a Montemarciano, spiaggia Bonetti, Little Italy in centro ad Ancona. E poi altri locali d’Italia fino all’Inghilterra. Il marchio, che vede una spiga con la parte finale che rappresenta la famosa maschera di carnevale, vuole richiamare la nostra terra e le sue tradizioni, l’inventiva e a volte gli eccessi che contraddistinguono noi Italiani. «Passione, artigianalità ed una forte impronta italiana sono i valori che vogliamo comunicare ad ogni sorso di ciò che produciamo. Ci mettiamo tutto l’amore, la fantasia e la passione per farvi sentire l’odore ed il sapore delle nostre colline, del mare e delle montagne delle Marche. Amiamo quello che facciamo e speriamo di farvelo capire ogni volte che aprite una delle nostre bottiglie». E allora ecco le due birre: Amalfi e Milano. Non ingannino i nomi, che servono solo per essere meglio riconoscibili all’estero. L’idea e la produzione è tutta anconetana. Per un birra, assicurano i due soci, di alta qualità, che si rivolga a bar e ristoranti.

AMALFI: Una birra bionda, poco gassata e non filtrata. È una birra estiva e facile da bere. Siamo sicuri che ne aprirete una dopo l’altra. Ma attenzione! Birra mascalzone-2Bevete responsabilmente.

INFORMAZIONI DI BASE

Colore: giallo
Grado alcolico: 5,0% vol.
Grado plato 12,5
Fermentazione: Alta
Amaro: 25 IBU
Stile di riferimento: Bolnd ale

DETTAGLI SULLA PRODUZIONE:
Acqua: di durezza media
Malti: base-tedeschi, aroma-tedeschi
Luppoli: amaro-tedeschi, aroma-continentali

MILANO: Una birra rossa, corposa e con tanto retrogusto. La classica birra da sorseggiare con calma ed assaporare tutte le sfumature che ha.

INFORMAZIONI BASE:
Colore: rosso carico
Grado alcolico: 6,2% vol.
Grado plato 16
Fermentazione: Alta
Amaro: 20 IBU
Stile di riferimento: strong red ale

DETTAGLI SULLA PRODUZIONE:
Acqua: dura
Malti: base-tedeschi, aroma-tedeschi
Luppoli: amaro-tedeschi, aroma-continatali

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalle Marche all'Inghilterra, una nuova birra artigianale: la sfida di due anconetani

AnconaToday è in caricamento