Grande Muro, oltre 5 anni di cantiere: «Toninelli venga a vedere che vogliono combinare»

Incontri con Ancona, in Regione, alla Soprintendenza. Ma il sindaco Signorini chiama anche il ministro delle Infrastrutture a verificare la situazione

il ministro Toninelli chiamato a Falconara

La battaglia contro il Grande Muro, la barriera fonoassorbente che Rfi vorrebbe costruire a Falconara, si prospetta lunga e articolata. E come ogni battaglia dura che si prospetta, per affrontarla, occorrono alleati. Li ha cercati in questi giorni il sindaco Stefania Signorini che nei giorni scorsi è stata in Regione per discutere la questione con il governatore Luca Ceriscioli, ha in piedi un dialogo già avviato con Ancona (prossima candidata a ricevere comunicazioni dalle Ferrovie per il prosieguo a sud del muro su Palombina Nuova, Collemarino e Torrette) ma ha anche scritto una lettera al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Chiamato in città, dietro suggerimento del consigliere penta stellato Bruno Frapiccini, anche a verificare il progetto del bypass ferroviario nella parte nord. «Il ministro venga a Falconara per rendersi conto dell’impatto devastante che avrebbero le barriere, sarebbero un nuovo sfregio» tuona il sindaco. Nella missiva si chiedono soluzioni alternative per abbattere le emissioni acustiche: l’arretramento della ferrovia, il suo interramento, il rinnovo del materiale rotabile, la realizzazione di interventi sui recettori, lo studio di orari e di velocità dei convogli che possano ridurre l’impatto acustico. «Al ministro Toninelli – si legge in una nota - viene fatto presente che il Muro che si verrebbe a creare lungo la Flaminia, la strada più trafficata del territorio comunale, incrementerebbe l’inquinamento ambientale perché impedirebbe il ricircolo dell’aria e quello acustico perché amplificherebbe il rumore dei veicoli in transito». Nel frattempo anche la cittadinanza si muove. Il Comitato No Wall (o come si chiamerà, ndr) sta prendendo forma e dopo i bagnini del Falcomar, anche il Città di Falconara, la società sportiva di calcio a 5 che milita nella Serie A femminile, prende posizione contro Rfi.  «Ci mettiamo a disposizione per ogni iniziativa che il costituendo Comitato vorrà intraprendere per questa battaglia sociale che riguarda tutta la comunità falconarese» annuncia il presidente Marco Bramucci. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune si appresta a fare due conti dei costi economici che subirà la città. Intanto ha già messo in fila le penalizzazioni temporanee. «La durata dei lavori è stimata in 63 mesi (tradotto, oltre 5 anni, ndr), lungo la Flaminia, durante l’allestimento del cantiere, si perderebbero circa 200 posti auto, oltre all’utilizzo del cavalcavia di via Cairoli e della scalinata di accesso al sottopasso di via Trieste e le aree di occupazione temporanea sono in totale di 5.325 metri quadri, a fronte dei 288 metri quadrati da espropriare» fanno sapere dal Castello. «Come amministratori e come cittadini ci siamo espressi in maniera netta – aggiunge l’assessore all’Urbanistica Clemente Rossi - Siamo contrari e la nostra posizione di amministratori ci induce a ragionare anche con le leggi e carte bollate. Non è posizione al ribasso ma ci muoviamo affinché le palle vadano in buca: è inutile inseguire un facile consenso se poi non si combina niente. Occorre muoversi con delibere ed atti conseguenti. Intanto abbiamo presentato le nostre osservazioni per mettere su carta e interloquire a pieno diritto alla conferenza dei servizi. Perché siamo contrari? Perché quest’opera è contraria a tutta la pianificazione urbanistica che stiamo portando avanti: il centro storico, un miglioramento del piano spiaggia. Rfi dice che è obbligata e che l’analisi costi benefici dà loro ragione ma non prendono in considerazione ciò che subirebbero i cittadini: il valore degli immobili decadrebbe, le attività produttive non investirebbero, avremmo un peggioramento dell’inquinamento ambientale. Quanti costi avrebbero queste ricadute? Vogliamo dire a Rfi che i costi sarebbero superiori dei benefici e siamo pronti a quantificarli. Vogliamo l’arretramento, quelli sarebbero soldi ben spesi». Prossimi passi. La Regione, che sarà chiamata a dare il suo parere di conformità urbanistica in conferenza dei servizi ha scritto al Comune di produrre un documento ad hoc elencando i motivi del no. Per quanto riguarda la raccolta di firme dei cittadini, il Comune si è detto disponibile a concedere gratuitamente i propri spazi per agevolare la petizione. «Saremo al loro fianco» ha promesso la Signorini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento