rotate-mobile
Cronaca

Baby bulli contro la mamma coraggio: «Dalle minacce sono passati ai pedinamenti»

La mamma del 17enne pestato per tre volte da un branco di ragazzini ne ha parlato alla trasmissione Storie Italiane sulla Rai. Lo ha segnalato in questura

Dopo le minacce arrivano i pedinamenti. Patrizia Guerra, la mamma coraggio che da mesi denuncia le angherie e le aggressioni da parte di un gruppo di ragazzini a suo figlio, ne ha parlato per la prima volta su Rai Uno, questa mattina, alla trasmissione Storie Italiane.

Raggiunta al telefono dopo il collegamento dice: «Non hanno alcuna intenzione di smettere e ora hanno inziato a pedinare sia me che mio marito. E' successo sia sabato che domenica in un supermercato e poi in un centro commerciale. Eravamo a fare la spesa quando abbiamo sentito la presenza alle spalle di una persona che ci stava seguendo. Io non so chi sia, non l'ho mai visto, ma era giovane, aveva gli orecchini e il sopracciglio tagliato». La coppia sarebbe immediatamente uscita imboccando il parcheggio: «Ci siamo allontanati e siamo saliti in macchina velocemente. Poi ce ne siamo andati. Siamo molto spaventati. Naturalmente ho segnalato la cosa alla polizia». 

Intanto gli investigatori sono al lavoro per risalire all'identità dei responsabili di aggressioni e minacce al figlio 17enne, picchiato per ben tre volte in varie occasioni. Venerdì è stata convocata in questura ad Ancona: «Il questore - prosegue Guerra -  ci ha rassicurato, dicendoci di aspettare. Per ora tutto tace, non abbiamo ancora nessuna risposta concreta e intanto i ragazzi sono passati dalle storie su Instagram ai pedinamenti. Con la loro prepotenza vogliono farci capire che sono più forti di noi e che non dobbiamo parlare, altrimenti per noi finisce male». 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baby bulli contro la mamma coraggio: «Dalle minacce sono passati ai pedinamenti»

AnconaToday è in caricamento