«Produco mascherine anti-virus», ma faceva gonne e cinture: sigilli all'azienda

Scoperta della Guardia di Finanza: tutto è partito dal controllo di una coppia di dipendenti che era appena uscita dalla ditta, obbligata a sospendere l'attività dal decreto Coronavirus

La Guardia di Finanza mette i sigilli all'azienda

Continuava a produrre capi d’abbigliamento, e non mascherine anti-virus come dichiarato dal titolare, nonostante l’obbligo di sospensione imposto dal decreto contro la diffusione del Coronavirus. La scoperta è stata fatta dalla Guardia di Finanza di Camerino: il Prefetto di Macerata, Iolanda Rolli, ha disposto la chiusura per 30 giorni dell’azienda con sede a San Severino Marche. 

Tutto è nato da un controllo eseguito in strada dalle Fiamme Gialle che mercoledì scorso hanno fermato un’auto con a bordo due extracomunitari, marito e moglie, che hanno esibito un’autocertificazione in in cui specificavano di far ritorno a casa dopo un turno di lavoro presso l’azienda in questione. I militari hanno voluto andare a fondo: subito sono stati avviati accertamenti nella sede della ditta a San Severino, dove il titolare ha dichiarato di aver riconvertito l’attività produttiva, dall’abbigliamento alla realizzazione di mascherine e dispositivi di protezione individuale per l’emergenza Coronavirus. E’ bastato poco ai militari per accertare che, in realtà, l’azienda stesse continuando la sua ordinaria attività di produzione di capi di abbigliamento, anche perché di mascherine non ne sono state rinvenute. Al contrario, è stato accertato come nei locali aziendali fossero in produzione solo gonne e cinture.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rappresentante legale della società è stato sanzionato per aver violato le prescrizioni imposte dal decreto legge 19/2020. Contestualmente è stata disposta la chiusura provvisoria di 5 giorni dell’attività al fine di impedire la prosecuzione delle violazioni. Inoltre è stato richiesto al Prefetto di Macerata uno specifico provvedimento di chiusura dell’attività produttiva per ulteriori 25 giorni. Il provvedimento è stato eseguito questa mattina. Sono in corso accertamenti ulteriori per verificare sia la regolarità lavorativa dei dipendenti sia la complessiva posizione fiscale dell’azienda. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • Si schianta con un'auto, camper si ribalta: un ferito è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento