Comune: edilizia e associazioni, la Giunta vara gli ultimi atti

Si procederà alla vendita delle case popolari agli inquilini di vecchia data. Nuovo utilizzo per l'ex scuola di Varano. Alcune associazioni cambieranno sede. Via libera, infine, alla rievocazione storica a Forte Altavilla

Nel corso della riunione odierna, su proposta dell'assessore alle Politiche per la Casa e al Patrimonio Tamara Ferretti, la giunta  ha approvato una serie di atti di indirizzo in modo da  portare  a conclusione l'iter delle azioni predisposte.

CASE POPOLARI. Tra questi, la decisione di incaricare lo staff del Servizio Patrimonio -Area Lavori Pubblici, di procedere alla attuazione del piano vendite dell'Edilizia residenziale pubblica sulla base delle finalità espresse dalla legge regionale in merito.  “Consentire l'acquisto delle case popolari ai loro inquilini di vecchia data – si legge nel comunicato del Comune –  costituisce un'operazione dai significativi risvolti sociali oltre che economici, una operazione che permette da un lato al Comune di maturare un'entrata significativa, e dall'altro agli inquilini di diventare proprietari effettivi dell'unità abitativa dove risiedono.
In attesa che la Regione Marche riveda la modalità di pagamento dell'immobile (passando dalla richiesta di una  soluzione unica al più accessibile sistema di rateizzazione e/o “a riscatto”), l'Amministrazione ritiene di procedere pertanto con il programma delle vendite, con l'obiettivo di alleggerire il patrimonio di edilizia popolare  gravato da notevoli spese di manutenzione e di costruire nuovi alloggi Erp a seguito dei ricavi che varranno conseguiti dalle alienazioni”.

VARANO. A seguire, riguardo all'ex scuola elementare di Varano, inutilizzata da anni e inserita nel piano delle alienazioni, la giunta ha deciso di incaricare il Settore Patrimonio di predisporre una delibera in consiglio comunale per un utilizzo diverso dell'immobile che- su richiesta di molti cittadini (è stata effettuata una petizione popolare) vorrebbe essere destinato a centro polifunzionale socioculturale. Il progetto prevede il coinvolgimento dell' Università e del parco del Conero.
La proposta è di procedere ad una autocostruzione da parte di un cantiere scuola.

EX CRASS. Si è quindi approvato il procedimento di assegnazione in gestione a terzi  dell'asilo realizzato al piano terra di uno dei padiglioni dell'ex Crass e pronto da qualche tempo, nell'ambito del programma “Contratti di quartiere II- Dietro le Quinte”.
Il Comune “non è attualmente in possesso delle risorse necessarie per l'avvio del servizio e la formula della concessione a privati può sbloccare la situazione, a tutto vantaggio delle famiglie del quartiere.   La struttura è progettata per ospitare 50 bambini e potrebbe essere attivata in tempi brevi”.

ASSOCIAZIONI. Sempre su proposta dell'assessore Tamara Ferretti, l'Esecutivo ha assunto oggi l'orientamento di  incaricare l'area Lavori Pubblici di verificare gli spostamenti di alcune associazioni in nuove sedi comunali.  Nel tempo infatti alcune sedi assegnate dal Comune si sono rivelate insufficienti o al contrario troppo ampie o troppo costose. Altre ancora necessitano di lavori di modifica.
Per l'Accademia musicale, già ospitata presso la scuola Leopardi, dichiarata inagibile, è stata indicata la sede delle ex scuole Nazario Sauro.  Per l'associazione famiglie Autistici -Parkinsion- Alzheimer la sede della ex scuola Regina Margherita;  e infine per l'Università del tempo libero Auser-Auptel -attualmente ospitate nell'ex istituto Magistrale-  l' assegnazione di tre unità immobiliari in via Trieste.  Tali verifiche verranno effettuate già ne prossimi giorni.

RIEVOCAZIONE STORICA. Infine, la giunta ha stabilito di sostenere l'iniziativa di carattere storico  in programma sabato 11 maggio (Combattimento che rievoca lo sbarco napoleonico a Portonovo del 1811) concedendo l'utilizzo del Forte Altavilla.  Tale rievocazione va inserita nell'ambito delle celebrazioni per i 2400 anni di storia della città, così come  una ricostruzione storica sul sistema delle fortificazioni di Ancona, che contempla l'attivazione di un bando di concorso per 2 borse di studio per studenti delle facoltà di ingegneria e architettura, chiamati a presentare un progetto per la riqualificazione della rete di fortificazioni in città.   L'operazione sarà corredata da una mostra fotografica che sarà allestita alla Mole Vanvitelliana

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Asteroide in arrivo, lo vedremo dal balcone: «Il vero spettacolo però sarà la cometa»

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Storico macellaio e uomo generoso, Furio è morto di Covid: «Il tampone fatto troppo tardi»

  • Una passeggiata da 400 euro, primo pedone "fuori quartiere" multato dalla polizia

  • Il rubinetto diventa flussimetro per respiratori, l'invenzione dei cardiologi in un tutorial

  • La terra torna a tremare, scossa di terremoto registrata ad Ancona

Torna su
AnconaToday è in caricamento