Cronaca

Attentato a Parigi, senigalliesi scampati alla strage del Bataclan: feriti ma vivi

Erano proprio all'interno del locale Bataclan dove, secondo la Cnn, gli attentatori avrebbero ucciso a freddo diversi ostaggi, caricando le armi diverse volte e sparando contro gli ostaggi. Per fortuna ne sono usciti vivi

Scene dell'attentato a Parigi

Ci sono anche due senigalliesi tra i feriti della notte di terrore vissuta da Parigi. Si tratta di un uomo e una donna sua amica. Si trovavano proprio all’interno del locale notturno Le Bataclan, non lontano dalla sede di Charlie Hebdo, dove si stava svolgendo un concerto della band americana Eagles of Death Metal. Le notizie che arrivano sono ancora frammentarie ma in quel locale ci sarebbero state numerose vittime uccise dai terroristi e altre fatte ostaggio. Proprio lì si sarebbe verificata una vera carneficina, secondo la Cnn gli attentatori avrebbero ucciso a freddo diversi ostaggi, caricando le armi diverse volte e sparando contro le persone che gli capitavano a tiro. 

Sarebbero stati ostaggio dei feriti e costretti ad assistere a scene di violenza inaudita. Ma poi per fortuna al cellulare dei familiari é arrivata la telefonata dell’uomo che li rincuorava e chiedeva loro di rassicurare anche la famiglia della sua amica. «Siamo vivi» avrebbero detto. Spaventati a morte ma salvi, dopo aver comunque riportato delle ferite, lui alla gamba e lei alla spalla. Lesioni per cui sono stati sottoposti alle cure del caso presso un ospedale di Parigi: le loro condizioni non sono preoccupanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attentato a Parigi, senigalliesi scampati alla strage del Bataclan: feriti ma vivi

AnconaToday è in caricamento