menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Samuele Papi

Samuele Papi

"Atleti al tuo fianco", Samuele Papi a fianco dei malati di cancro

C'è un segno distintivo per chi partecipa al progetto: un'immagine con le mani che si stringono davanti al proprio volto sorridente

Il progetto “Atleti al tuo fianco”, guidato dal dottor Alberto Tagliapietra, medico chirurgo di Montichiari con diploma d’alta formazione in psico-oncologia, e patrocinato dalla associazione Arenbì Onlus, lancia una sfida culturale: possono sportivi professionisti avvicinarsi al tema tumori parlando di come nella propria vita affrontino sfide e avversari difficili, sebbene le proprie battaglie siano confinate all’ambito agonistico?

La risposta viene data dai tanti atleti del presente e del passato delle più varie discipline sportive stanno portando il proprio contributo a questo progetto, che viene divulgato via internet (albertotagliapietra.com/atleti-al-tuo-fianco), e le reti sociali Facebook e Twitter (#atletialtuofianco), affinché chiunque in qualsiasi luogo possa essere raggiunto dalle testimonianze del mondo dello sport. Tra chi ha già aderito all'iniziativa del mondo del tennis, oltre ai testimonial e promotori dell'iniziativa, i grandi tennisti Nicola Pietrangeli e Lea Pericoli, anche il pallavolista pluridecorato di Falconara Samuele Papi; oltre a lui, atleti come Tommy Robredo, Diego Nargiso, Karin Knapp, Alberto Cisolla,  Matteo Soragna, Nicolas Burdisso e Francesco Magnanelli, a dimostrazione che la sensibilità è propria di ogni disciplina sportiva.


C'è un segno distintivo per chi partecipa al progetto: un’immagine con le mani che si stringono davanti al proprio volto sorridente, affinché ci si ricordi sempre che il contatto umano e la vicinanza emotiva sono alla base di qualsiasi terapia, in qualsiasi stadio della malattia. L'obiettivo è l'abbattimento delle barriere di isolamento cui il cancro sottopone, sia fisicamente, arrivando attraverso la rete con le proprie testimonianze nei ricoveri ospedalieri, sia culturalmente, offrendo la possibilità di parlare di tumori come tema di conoscenza e approfondimento privo di retorica e tragicità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento