Cronaca

Sorpresi con la refurtiva a bordo dell'auto rubata: tre arresti

Si aggiravano per la periferia di Ancona effettuando sopralluoghi a bordo di un'auto rubata pochi giorni fa a Camerano (e piena di refurtiva), arrivando e scomparendo nella notte

Si aggiravano per la periferia di Ancona effettuando sopralluoghi a bordo di un’auto rubata pochi giorni fa a Camerano (e piena di refurtiva), arrivando e scomparendo nella notte: è di tre arresti il bilancio dell’operazione conclusasi all’alba di questa mattina e portata a termine dalla Squadra Mobile di Ancona, diretta dal Dottor Giorgio Di Munno. A finire in manette tre cittadini albanesi: A.D., 32enne e A.R., 30enne, fermati a bordo dell’auto rubata, e F.C., 44enne, sorpreso questa mattina all’alba nel corso di un blitz.
Le misure messe in atto per ricettazione in concorso sono due fermi di polizia giudiziaria e una misura di custodia cautelare, tutte e tre coordinate dal pm  Laurino e sottoposte al vaglio del Gip Pallucchini.

foto(65)-2I FATTI. La Polizia di Ancona – Mobile e Volanti– avevano notato i movimenti sospetti del terzetto, che si spostava nel territorio con grande abilità: arrivano a bordo dell’auto – un’Alfa Romeo rubata a Camerano dal garage della villa di due coniugi sopresi nella notte e addormentati, ai quali sono stati sottratti anche altri beni – effettuavano quelli che avevano tutta l’aria di essere attenti sopralluoghi in zone ben determinate della città, e ripartivano a bordo di un’auto “pulita”, dopo aver ben nascosto l’Alfa.
 I segugi della Mobile, in pochi giorni, sono risaliti alle loro identità e hanno fatto scattare la trappola: prima hanno chiuso il cerchio sui due trentenni, soprendendoli alle cinque e mezza del mattino a Candia, e poi, dopo meno di 48 ore, sono andati a prendere a casa “l’autista” 44enne. L’auto, come si è detto, conteneva tutto il kit del perfetto ladro in azione: tronchesi, binocoli e attrezzi da scasso, oltre a diversi preziosi risultati rubati. A casa del 32 enne, inoltre, gli agenti hanno trovato un “taser”, un’arma elettrica capace di mettere ko una persona adulta.  

GLI SVILUPPI. Le accuse formali di Polizia e Autorità Giudiziaria si concentrano ovviamente sull’auto rubata e sulla refurtiva trovata in possesso al terzetto, ma naturalmente le attività di indagine non si fermano qui.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpresi con la refurtiva a bordo dell'auto rubata: tre arresti

AnconaToday è in caricamento