La droga per i turisti era a casa di mamma e nell’auto di lusso: arrestato operaio

La perquisizione è durata ben tre ore, i poliziotti hanno trovato anche un manoscritto con i contatti dei clienti

La droga e i contanti sequestrati

Per gli investigatori era l’uomo che riforniva di droga i turisti del litorale senigalliese. Un operaio albanese di 46 anni è stato arrestato questa mattina dopo essere stato sorpreso con un etto e mezzo di cocaina purissima e circa 8.000 euro in contanti nascosti in due case e altrettante automobili.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’operaio era da tempo sorvegliato dagli agenti della squadra mobile di Ancona, coordinati dal capo Carlo Pinto, e dai poliziotti del commissariato di Senigallia. Alle prime luci di oggi gli agenti lo hanno prelevato dal posto di lavoro per poi accompagnarlo in entrambe le abitazioni di cui dispone: quella in cui risulta vivere con la madre e quella accanto, dove vive effettivamente con la compagna. In casa della mamma sono state trovate diverse dosi di cocaina già confezionata e pronta per lo spaccio, insieme a una parte del denaro in contanti. Qui gli agenti hanno scoperto anche numerosi manoscritti con nomi, pesi e cifre che secondo le accuse comprovavano l’attività criminale di spaccio dell’uomo. Per gli investigatori infatti l’uomo sfruttava la conoscenza dei turisti derivata dal suo lavoro da operaio e vendeva la cocaina al prezzo di circa 100 euro al grammo. Un’altra parte della droga sequestrata, insieme ad altri soldi, era custodita in diversi nascondigli nell’altra abitazione. Dentro la sua lussuosa Mercedes sono invece stati trovati 11 involucri di cocaina, due confezioni di mannitolo e numerosi ritagli necessari al confezionamento. Il grosso della cocaina era invece a bordo della Yaris: un involucro in cristalli e sostanza da taglio contenuti in un marsupio nascosto sotto il sedile posteriore dell’auto, oltre a un bilancino ed un macinapepe contenente anch’esso cocaina. L’operaio è quindi stato arrestato e ora si trova in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento