Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca Via Fonti

Filottrano: arrestato ladro, ad aiutarlo tre complici fra cui un minorenne

È stato arrestato per il furto in un centro commerciale, ma è sospettato di aver colpito diverse volte a Filottrano e nelle frazioni osimane di Montoro, Fornace Morando e Passatempo

C’era un gruppo di tre giovani tra i 27 e i 16 anni di età – due stranieri e un italiano – ad aiutare un 35enne di origini tunisine arrestato dai carabinieri di Osimo e sospettato di diversi furti.

I FATTI. I militari agli ordini del Capitano Conforti sono stati contattati ieri attorno alle 13 dal personale del centro commerciale “Si Superstore” di via Fonti, a Filottrano: un uomo aveva approfittato del momento di distrazione di un cliente, un 34enne del posto, per rubare dal carrello un marsupio con dentro un iPhone 4 del valore di 600 euro e un portafogli con dentro i documenti e 160 euro in contanti.
Dopo aver esaminato i filmati di sicurezza i carabinieri hanno riconosciuto una persona già sospettata di altri crimini: J. K., nato in Tunisia, Classe 1978, senza fissa dimora, noto alle forze dell’ordine e sospettato di aver commesso, nei giorni precedenti, svariati furti a Filottrano e nelle vicine frazioni osimane di Montoro, Fornace Morando e Passatempo.

Gli uomini dell’arma sono riusciti a rintracciare il 35enne presso l’abitazione di un connazionale a Filottrano che lo teneva nascosto,  e ad arrestarlo.
Vistosi con le spalle al muro il tunisino ha deciso di collaborare, restituendo il portafoglio con i documenti (che era stato fatto sparire in un bidone poco distante) e rivelando i nomi dei tre suoi complici (fra i quali anche un minorenne):

- B. B., nato in Algeria, Classe1992, residente a Filottrano, celibe, nullafacente, incensurato;
- K. A., nato in Marocco, Classe1985, residente a Filottrano, celibe, nullafacente, incensurato;
- N. A., nato a Napoli, Classe 1997, domiciliato a Filottrano, minorenne, nullafacente, incensurato.

I tre – che avevano aiutato il ladro a eludere le indagini e avrebbero svolto un ruolo nella ricettazione della refurtiva – sono stati denunciati per favoreggiamento. Oggi l’arrestato è comparso davanti al giudice ad Ancona,  che ha convalidato l’arresto condannando l’imputato alla pena di sei mesi 6 di reclusione e al pagamento di 300 euro di multa, con l’emissione della misura di sicurezza del divieto di dimora nella provincia di Ancona e con remissione in libertà se non detenuto per altra causa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Filottrano: arrestato ladro, ad aiutarlo tre complici fra cui un minorenne

AnconaToday è in caricamento