Entra in un appartamento disabitato e si addormenta nel letto: arrestato

L’uomo si è introdotto clandestinamente all’interno di un’abitazione dove è stato sorpreso dai Carabinieri, avvertiti telefonicamente dalla proprietaria della casa che da circa 15 giorni è disabitata

Carabinieri in via Filzi a Senigallia

Finisce ai domiciliari, arrestato ieri mattina dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Senigallia, il 38enne originario della Russia, balzato alle cronache locali nei mesi scorsi nell’ambito delle indagini su una serie di furti commessi in abitazioni e nelle scuole. Nella nuova operazione di contrasto al crimine, portata a termine in città dai Carabinieri, il 38enne è accusato di violazione di domicilio aggravata. L’uomo si è introdotto clandestinamente all’interno di un’abitazione in via F. Filzi nel quartiere Stadio, scavalcando un muro di cinta e forzando la porta di ingresso. E’ stato sorpreso in casa dai Carabinieri avvertiti telefonicamente dalla proprietaria dell’abitazione che da circa 15 giorni è disabitata. La donna ha chiamato i Carabinieri che lo hanno sorpreso mentre dormiva in camera da letto.

I fatti

Intorno alle 10:30 di ieri, la pattuglia Radiomobile, a seguito di telefonata giunta alla Centrale Operativa, è intervenuta presso un’abitazione in via F. Filzi, ove era stata segnalata l’intrusione da parte di sconosciuti. Sul posto i militari hanno trovato ad attenderli la proprietaria dell’immobile, accompagnata sul posto da un parente, che ha riferito di essere stata avvisata dai vicini che nella notte avevano sentito strani rumori provenire dall’abitazione e di aver trovato la porta d’ingresso forzata e chiusa dall’interno con due barre trasversali di sicurezza inserite. I Carabinieri, dopo aver constato l’effrazione della serrature e della porta di ingresso principale, dopo vari tentativi sono riusciti ad aprirla e con le dovute cautele sono entrati in casa salendo al primo piano dell’abitazione. Nel giro di ispezione, i militari, giunti in una camera da letto, hanno sorpreso sdraiato sul letto, sotto le coperte prelevate dall’armadio, un giovane che immediatamente hanno riconosciuto nel 38enne di origini russe. Lo stesso non ha opposto alcuna resistenza ed ha ammesso di essersi introdotto nell’abitazione nottetempo dopo aver scavalcato, dalla parte posteriore, il muro di recinzione della proprietà e forzato la porta di ingresso aprendola a calci. Infine aveva bloccato da dietro la porta d’ingresso con un chiavistello per impedirne l’apertura dall’esterno. Nella camera da letto, il 38enne, aveva acceso anche una stufa elettrica. La proprietaria di casa, accompagnata dai Carabinieri, ha eseguito un controllo constatando che non risultava mancare nulla. L’abitazione familiare era in uso al fratello che da due settimane si è trasferito temporaneamente fuori Senigallia. Il 38enne, introdottosi clandestinamente in un luogo di privata dimora, colto nella flagranza di una violazione di domicilio aggravata, è stato dichiarato in stato di arresto. Successivamente, in attesa della convalida e del giudizio direttissimo, su disposizione del Pubblico Ministero, è stato accompagnato a Montecarotto presso l’abitazione della madre in regime di arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento