Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Dosi massicce di farmaci per uccidere anziani: arrestato l'angelo della morte

In manette l'infermiere 57enne di una Rsa: è accusato di omicidio volontario premeditato di 8 pazienti e di altri 4 tentati omicidi. Ma lui nega tutto

Avrebbe ucciso 8 anziani e avrebbe tentato di ammazzarne altri 4. E’ la tremenda accusa rivolta a un infermiere della Rsa di Offida che, su esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip, è stato arrestato questa mattina all’alba dai carabinieri del Nucleo investigativo di Ascoli Piceno, della Compagnia di San Benedetto e della Stazione di Offida. Gli anziani erano tutti ospiti della casa di cura in cui l’infermiere, un 57enne ascolano, prestava servizio. E’ indagato per 8 omicidi volontari premeditati e 4 tentati omicidi, avvenuti tra il gennaio 2017 e il febbraio 2019.

Nell’indagine, condotta nell’ultimo anno e mezzo, i carabinieri hanno acquisito le cartelle cliniche dei defunti e interrogato i colleghi dell’infermiere: secondo l’accusa, avrebbe somministrato volontariamente e senza averne facoltà farmaci non previsti o medicinali prescritti ma in dosi massicce, come promazina, insulina, anticoagulanti, che avrebbero portato alcuni anziani ospiti della struttura alla morte e altri al rischio di decesso. L’inchiesta sarebbe partita dalla testimonianza di una Oss della struttura che si è rivolta ai carabinieri per segnalare i suoi sospetti. L’infermiere ha respinto le accuse e il suo avvocato, Tommaso Pietropaolo, sostiene che il suo assistito non avesse alcun movente per uccidere volontariamente degli anziani né avrebbe il profilo di una persona con gravi problemi mentali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dosi massicce di farmaci per uccidere anziani: arrestato l'angelo della morte

AnconaToday è in caricamento