Senigallia: finanziere in arresto, avrebbe chiesto soldi ad un imprenditore

Il provvedimento sarebbe scattato in seguito ad un inchiesta partita proprio dai colleghi delle Fiamme Gialle. L'uomo, ai domiciliari, ora comparirà davanti al giudice per fornire la sua versione dei fatti

Immagine archivio

Nonostante il massimo riserbo posto attorno alle indagini è uscita sulla stampa la notizia di un arresto di un finanziere in servizio alla Tenenza delle fiamme gialle di Senigallia, effettuato sulla base di un’inchiesta partita proprio dalla caserma di via Perilli.

L’accusa – ma il condizionale è d’obbligo – sarebbe quella di tentata concussione: l’uomo, ora ai domiciliari, avrebbe chiesto del denaro ad un imprenditore locale camuffando l’operazione come un semplice prestito.

Ora l’arrestato, assistito dal suo legale, verrà ascoltato dal giudice per fornire la sua versione dei fatti. Il magistrato poi valuterà quali provvedimenti assumere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Maxi parcheggio e luminarie: tutto pronto a Vallemiano, l’Eurospin apre i battenti 

Torna su
AnconaToday è in caricamento