Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Avevano 1 milione in eroina nell'intestino, in manette due uomini

Il Nucleo di polizia tributaria di Ancona sta operando pattugliamenti notturni nelle zone della regione che ci collegano con Roma. La direttrice Roma-Ancona sta diventando fondamentale per il traffico internazionale di droga

Immagine di archivio

Portavano un grosso carico di droga dall’estero che sarebbe dovuto essere immesso del mercato nero. Sicuramente quello marchigiano ma, visto il quantitativo, forse anche quello dell’intera area Adriatica. Si perché ieri gli uomini della guardia di finanza hanno fermato due uomini struzzo a Muccia (provincia di Macerata), che nel loro intestino portavano circa 70 ovuli a testa, per un totale di 146 ovuli di sostanza. Una quantità sconvolgente corrispondente a un chilo e mezzo di eroina purissima che, una volta immessa nel mercato, avrebbe potuto fruttare tra i 500mila euro e 1 milione. Era tutto organizzato alla perfezione. A convincere gli inquirenti che quei due erano dei professionisti di altissimo livello almeno tre elementi. Primo, erano sbarcati solo due ore prima all’aeroporto romano di Fiumicino con un volo provenite dalla Turchia, il che significa che avevano una missione precisa e studiata a tavolino. Secondo, il quantitativo di ovuli trovati nel loro intestino, visto che in genere un normale essere umano ne può tenere circa 50 al massimo. Dunque solo chi aveva già dimestichezza con quella pratica poteva ingerire tutti quei bozzoli di droga. Terzo, il modo in cui erano confezionati gli involucri. Quegli ovetti, lunghi 2 centimetri con un diametro di 1, erano confezionati ad arte con un involucro esterno rivestito di cera, al suo interno un secondo involucro contenete la droga. Tutti fattori che saranno ora oggetto di studio per la procura. Ma una cosa è certa. La direttrice Roma-Ancona sta diventando fondamentale per il traffico di droga che ha come obiettivo la zona marchigiana e adriatica. Tanto che l’operazione messa a segno dalle fiamme gialle doriche è il frutto di un continuo pattugliamento delle due strade che dalla capitale portano alla nostra regione: la strada statale 16 e l’autostrada A 14.  

I FATTI. L'altro giorno durante un pattugliamento notturno i finanzieri hanno notato un'auto con dentro quattro persone: due di origini pachistane che parlavano l'italiano; due di origini afgane che non parlavano una parola di italiano. Quando i militari hanno perquisito le valigie dei due afgani hanno scoperto due boccette di lassativo. E' lì che i militari hanno capito che forse si trovavano di fronte a due uomini struzzo. Così sono stati accompagnati tutti  all'ospedale regionale di Torrette. Prima sono stati sottoposti ai raggi da cui non è emerso nulla. Un particolare non da poco perchè se i raggi X non hanno individuato nulla, è solo perchè i due afgani aveva talmente tanta droga nella loro pancia, che non c'era più spazio nel loro intestino. C'è voluta una tac per avere la conferma che quei due extracomunitari non erano nelle Marche per un viaggio di piacere. Ora i due afgani trovati con la droga sono finiti nel carcere di Montacuto. Mentre i due pachistani sono stati rilasciati. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avevano 1 milione in eroina nell'intestino, in manette due uomini

AnconaToday è in caricamento