Il giudice lo scarcera e lo premia con i domiciliari, lui evade e va in piazza: arresto-bis

Il detenuto ha scelto il modo peggiore per mostrare gratitudine. «Stavo venendo in caserma»: la giustificazione non è bastata per evitare di finire di nuovo in manette

Foto d'archivio

Si era guadagnato il “premio” dei domiciliari, ma ha scelto il modo peggiore per dimostrare la sua gratitudine al giudice: non appena è uscito dal carcere, si è reso irreperibile ed è stato ritrovato ore dopo in piazza. «Stavo venendo in caserma», si è giustificato con i carabinieri che lo stavano cercando. Ma le sue scuse non sono bastate per evitare un arresto-bis

Il protagonista è un cittadino italiano che ora dovrà rispondere anche di evasione. Nel primo pomeriggio di ieri era stato scarcerato da Montacuto, a seguito di un’ordinanza emessa dal Tribunale del Riesame di Ancona che sostituiva la pena detentiva in carcere con quella degli arresti domiciliari, autorizzando il detenuto a raggiungere la propria abitazione a Polverigi, nel più breve tempo possibile, senza soste intermedie e dando immediata comunicazione del suo arrivo ai carabinieri di Agugliano. I militari, trascorso più tempo del previsto, senza ricevere notizie sul suo conto, si sono messi alla ricerca del soggetto, che nel frattempo si era anche reso irreperibile: sono riusciti a rintracciarlo circa 3 ore dopo l’uscita dal carcere, nella piazza principale di Agugliano. Ha asserito che stava per andare presso la caserma dei carabinieri.

L’uomo è stato dichiarato in arresto, in flagranza di reato, per evasione ed è stato collocato agli arresti domiciliari in attesa della direttissima: stamattina il gip ha convalidato l’arresto in tribunale, confermando i domiciliari in attesa del nuovo processo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento