Chiaravalle, espulso nel 2012 circolava con diversa identità: arrestato

Fermato, ha dichiarato che stava andando a trovare un amico, risultato inesistente. Le impronte digitali hanno svelato la sua vera identità. Proseguono i controlli in relazione all'ondata di furti che ha colpito la Vallesina

Questa notte i carabinieri della Stazione di Chiaravalle hanno arrestato T.T.,  cittadino albanese di 31 anni, fermato per un controllo mentre percorreva a piedi via Marconi. L’uomo, risultato irregolare sul territorio nazionale e già espulso nel 2012 a Milano, a causa di numerosi precedenti penali, non ha saputo spiegare il motivo della sua presenza in quel luogo, asserendo che stava cercando un amico di cui indicava un  nome, poi risultato non esistente. Portato in caserma, le sue impronte hanno permesso ai Carabinieri di accertare che era stato già espulso con nomi diversi da quello degli attuali documenti. È stato arrestato per inosservanza al decreto di espulsione e questa mattina sarà processato per direttissima ad Ancona. Sono in corso verifiche per accertare se lo abbia preso parte a furti avvenuti in zona.

Sempre i Carabinieri di Chiaravalle sono riusciti a identificare e denunciare a piede libero un uomo che lo scorso 8 novembre 2014 era stato sorpreso da uno studente residente in città mentre con un grimaldello tentava di forzare la porta di casa alle 11 del mattino. Si tratta di A.V., cittadino pugliese già noto alle forze dell’ordine: i militari sono risaliti a lui per mezzo dell’identikit e l’uomo è stato poi riconosciuto dal testimone.

Proseguono inoltre i controlli in relazione all’ondata di furti che ha colpito la Vallesina. Negli ultimi due giorni, informano i Carabinieri, è stato segnalato un solo furto in abitazione: i militari ringraziano i cittadini per la grande collaborazione che stanno fornendo all’Arma di Jesi con le loro continue segnalazioni.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

Torna su
AnconaToday è in caricamento