Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Gestivano lo spaccio di eroina lungo la Riviera del Conero: tre arresti

Il traffico di "eroina pakistana" veniva gestito grazie a contatti consolidati con pusher locali e spacciatori del famigerato "Hotel House", dove vivevano ed avevano costituito una nuova rete di smercio

Gestivano lo spaccio di “eroina pakistana” lungo la Riviera del Conero e il recanatese, grazie a contatti consolidati con pusher locali e soprattutto con spacciatori del famigerato “Hotel House” di Porto Recanati, dove vivevano ed avevano costituito una nuova rete di smercio della potente sostanza stupefacente.
I tre trafficanti sono stati arrestati dal personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Osimo – coordinato dal Capitano Conforti e diretto dal Luogotenente Almiento – che con i colleghi di Osimo, Filottrano e Ancona hanno smantellato la rete di spaccio.

I militari avevano notato da alcuni giorni strani movimenti di giovani e adulti a Numana e Sirolo, aumentati soprattutto nel periodo di ferragosto, che avevano spinto gli investigatori a ipotizzare un nuovo canale dello spaccio di droga, e avevano individuato alcuni soggetti stranieri con contatti ben radicati sul territorio, specializzati nello spaccio di consistenti quantità di eroina: A.B., pakistano 23enne, ed R.A. e K.S., bengalesi di 44 e 19 anni.

Il cerchio si è così chiuso attorno ai tre, che sono stati individuati alle 11 di sabato mattina nella frazione numanese di Marcelli a bordo di una Mercedes di colore grigia, diretta a Sirolo. Dopo aver compiuto alcune soste e movimenti sospetti nei pressi del centro cittadino, l’auto è ripartita alla volta di Ancona, raggiungendo lo svincolo autostradale “Ancona Sus-Osimo”, dove è stato subito istituito un posto di blocco che ha intercettato l’auto, ponendo fine alla fuga dei tre.
La perquisizione personale e veicolare ha permesso di trovare un involucro con 110 grammi di eroina purissima, risultata di origine pakistana, nascosto nel vano posteriore bagagli, sotto la ruota di scorta, debitamente sequestrato. La droga, se immessa sul mercato illegale, poteva essere più volte tagliata fino a fruttare un compenso di 6mila euro.
 
I tre trafficanti si trovano a Montacuto, in attesa di comparire davanti al giudice.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gestivano lo spaccio di eroina lungo la Riviera del Conero: tre arresti

AnconaToday è in caricamento