Arrestato per spaccio chiede al giudice se può fumare la marijuana

Proprio oggi il giovane, difeso dall'avvocato Andrea Coen, si è presentato al processo per direttissima dove era accusato di spaccio di sostanze stupefacenti

Ad avanzare la bizzarra domanda al giudice Carlo Cimini è stato E. C., il 23enne originario della Nigeria, residente a Senigallia, trovato sabato scorso seduto su una panchina dei giardinetti di via Ragusa con 30 grammi di marijuana nelle mutande. Proprio oggi il giovane, difeso dall'avvocato Andrea Coen, si è presentato al processo per direttissima dove era accusato di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giudice ha convalidato l'arresto dei militari della tenenza di Falconara e ha disposto la conferma degli arresti domiciliari. 

Ma prima che il giudice decretasse la fine dell'udienza, il nigeriano si è preoccupato di non poter fumare una volta a casa, ristretto ai domiciliari e così si è rivolto garbatamente al giudice: «Posso almeno fumare la marijauna per rilassarmi?». La toga anconetana ha invitato l'imputato a rivolgere la domanda al suo legale che, immediatamente, gli ha spiegato con un secco "No".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento