Cronaca Falconara Marittima

Rapinò un negozio multietnico, non poteva essere reimpatriato: arrestato ed espulso

Già gravato da un ordine di espulsione emesso nel 2019 per motivi di sicurezza, è stato arrestato e ora è in attesa di rimpatrio a Bari

Già gravato da un ordine di espulsione emesso nel 2019 per motivi di sicurezza, arrestato e in attesa di rimpatrio. E' successo ieri pomeriggio quando i carabinieri di Falconara hanno notato un 30enne nordafricano nei pressi di uno stabilimento balneare. Il provvediemento non era stato eseguito due anni fa, perché l'uomo stava scontando in carcere una pena per spaccio di droga. Si tratta, dicono gli investigatori, di una delle persone coinvolte nella rapina ai danni di un negozio multietnico di via Flaminia, a Falconara. 

Dopo aver passato la notte nelle camere di sicurezza della caserma, al termine dell'udienza di convalida tenutasi presso il Tribunale di Ancona, è stato accompagnato dagli stessi militari alla volta del Centro di permanenza per il rimpatrio di Bari, da dove l'uomo sarà rimpatriato nel paese d'origine con il primo volo charter disponibile. Non era un volto nuovo per i carabinieri: 4 anni fa l'uomo era stato arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale e ancora, dopo un anno, era stato nuovamente denunciato a piede libero per il possesso ingiustificato di un grosso cacciavite nascosto all’interno dei pantaloni. Successivamente, di nuovo denunciato per rapina in concorso ai danni di un negozio multietnico insieme con il fratello, anch'esso arrestato ed espulso dal territorio nazionale l’anno scorso. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinò un negozio multietnico, non poteva essere reimpatriato: arrestato ed espulso

AnconaToday è in caricamento